Indietro
menu
mesi di ricatti e minacce

Lei lo lascia e lui si vendica: invia alla scuola il video intimo della ex

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 4 mag 2022 18:11 ~ ultimo agg. 5 mag 10:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ancora un caso di revenge porn. La vittima è una studentessa 17enne della provincia di Rimini, che dal settembre 2020 al dicembre dello stesso anno è stata insultata, minacciata e ricattata da quel ragazzo più grande di lei di 10 anni, conosciuto in vacanza, col quale si era fidanzata. Quando la loro relazione è finita, a causa della gelosia morbosa di lui, per la giovane all’epoca minorenne è iniziato un vero calvario.

Attraverso molteplici profili falsi creati ad hoc, l’ex aveva diffuso su Instagram e sue varie piattaforme un video senza veli della 17enne, girato a sua insaputa. Non soddisfatto, il 27enne lo aveva persino inoltrato nel computer dell’istituto superiore da lei frequentato. Grazie alla tempestività della dirigente scolastica, quelle immagini sono state bloccate sul nascere e consegnate nelle mani degli agenti alla polizia Postale, che hanno aperto immediatamente un’indagine. Non ci è voluto molto per risalire all’allora 27enne (oggi 29enne), accusato di atti persecutori e diffusione di video con contenuti a sfondo sessuale.

Azioni di cui dovrà rispondere il prossimo 14 novembre davanti al Tribunale collegiale di Rimini. Il Gup Benedetta Vitolo, infatti, accogliendo le richieste della Procura della Repubblica, lo ha rinviato a giudizio. La vittima, oggi maggiorenne, si è costituita parte civile assistita dall’avvocatessa Milena Montemaggi.