Indietro
menu
dal 12 al 16 marzo

Le aziende e i maestri gelatieri in attesa del ritorno del Sigep

In foto: un'edizione del Sigep
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 4 feb 2022 15:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si scaldano i motori, o meglio i macchinari per fare il gelato in previsione del Sigep, che da 12 al 16 marzo tornerà in fiera a Rimini. In esposizione macchine, ingredienti, tecniche, ma ci sarà anche la possibilità di assistere alle performance artistiche di maestri gelatieri.

Sigep – spiega Federico Tassi, CEO di Carpigiani Group – è da sempre il punto di incontro per il settore da cui partono i progetti più importanti, si presentano le innovazioni più interessanti e c’è il massimo scambio tra artigiani e aziende della filiera. La nostra partecipazione è, dunque, convinta ed entusiasta”.  Non vediamo l’ora di vivere il Sigep, vera vetrina e trampolino di lancio per la filiera del gelato – gli fa eco Gianni Babbi , marketing director di Babbi –. È un appuntamento a cui teniamo in modo particolare, tanto che stiamo aspettando marzo per presentare al mercato delle assolute novità per celebrare i nostri primi 70 anni di storia”. “Da oltre 40 anni – ricorda Claudio Pica, segretario generale dell’Associazione Italiana Gelatieri  – Sigep rappresenta per noi gelatieri la vetrina mondiale del settore. L’edizione di marzo 2022 sarà un appuntamento irrinunciabile per ritrovarsi in presenza dopo due anni, toccare con mano le novità di prodotto e scoprire le nuove tendenze del dolce freddo più amato nel mondo. “Non esiste altra fiera al mondo – conferma Giancarlo Timballo, Presidente della Coppa del Mondo della Gelateria  – altrettanto grande e importante per il settore gelato come Sigep. Il gelatiere è un artigiano che ha bisogno di formazione continua, e Sigep è un’occasione di crescita e di condivisione”.