Indietro
menu
Agevolare ripartenza

Palestre e piscine chiuse. Cna: ristori, voucher e fiscalità per sostenerle

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 19 gen 2021 14:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Alla luce anche delle iniziative intraprese a Rimini e Riccione da parte dei genitori per sostenere realtà come la Polisportiva Garden e la piscina comunale, Cna lancia un appello alla politica e alle istituzioni. Servono misure concrete per uno dei settori più colpiti dalla Pandemia, quello di palestre, piscine e centri sportivi la cui unica certezza è di essere chiusi almeno fino al 5 marzo.

Cna chiese sostegni diretti ed indiretti visto che i ristori, già previsti anche dalla Regione Emilia Romagna, non saranno sufficienti. Secondo l’associazione si deve lavorare per agevolare la domanda non appena sarà possibile accedere nuovamente alle strutture. Quindi voucher che possano mitigare il costo per l’accesso ai vari impianti e professionalità connesse per sostenerne la ripartenza, nell’interesse di tutta la collettività. Cna suggerisce anche una revisione della detraibilità fiscale, non solo parziale e per i minori ma più estensiva, almeno per il periodo limitato 2021-2022.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate