Indietro
menu
Tosi: investimento sull'estate

Luci, tappeti dorati, neve. Riccione presenta il Natale nell'anno del covid

In foto: le luminarie riccionesi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 20 nov 2020 15:01 ~ ultimo agg. 15:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Alberi luminosi ai lati dei viali, un tappeto dorato in viale Ceccarini, un grande albero di Natale in piazzale Ceccarini, la playlist delle atmosfere sonore di Riccione Christmas Star su Spotify e lo spettacolo della neve con le snow-machines. Riccione non rinuncia al Natale e questa mattina, in videocall, ha presentato il programma alle associazioni di categoria, presente per la prima volta anche Confindustria Romagna. Durante l’incontro, il sindaco Renata Tosi ha illustrato l’attuale andamento dell’epidemia a Riccione. “L’attenzione deve rimanere alta sul rispetto dei protocolli – ha detto – dobbiamo adoperarci per la sicurezza e la salute pubblica. Come amministrazione di Riccione abbiamo avanzato una proposta in questo senso all’Ausl Romagna: poter effettuare tamponi rapidi a tutti gli operatori delle scuole comunali. Allo stesso tempo di dotare le gestioni delle Rsa presenti di territori di tampini rapidi da effettuare ai dipendenti che lavorano con gli anziani. L’idea è mettere in sicurezza tutto il sistema assistenziale ed educativo“.

L’assessore al Turismo Stefano Caldari ha quindi illustrato come si presenterà la città durante le prossime festività. “Le luci saranno protagoniste – ha detto – in quello che sarà un allestimento bello. E ciò che è bello non può che essere ottimista. Noi ci crediamo, Riccione non rinuncia al Natale e sono sicuro che anche tutti gli operatori economici e tutti i cittadini non abbiamo alcuna intenzione di privarsi del desiderio che i momenti brutti passino in fretta. E’ questo quello che vogliamo comunicare con il nostro Natale: sobrio sì, ma anche luminoso e ottimista. Il nostro compito come amministrazione è proprio questo perché se oggi leggiamo addirittura che il Governo mette al bando baci e abbracci, noi rediamo almeno possibile il sogno ammirando una città di luci“. Il coordinatore del settore Turismo, Cultura e Sport, Simone Bruscia, ha presentato poi la comunicazione partita sulle maggiori testate e nelle città emiliane. Ci sarà anche un totem con le immagini della comunicazione coordinata che accoglierà i visitatori all’uscita dell’A14.

E’ toccato poi al sindaco rispondere alla domanda sul perché fare tutto questo nell’anno del Covid e non usare invece i soldi per la comunità?La politica di un’amministrazione – ha spiegato il sindaco – è valida tanto quanto sa guardare oltre le paure del momento. Avevamo due strade, quella di lasciare nel buio tutti e non impegnare i fondi della tassa di soggiorno, pagata dai turisti, a sostegno dell’economia portante della città; oppure non rinunciare al domani e fare del nostro meglio con sobrietà e rispetto della salute di tutti. Il Natale di oggi è un investimento sull’estate di domani, questo deve essere chiaro. Quei soldi spesi, sono soldi restituiti in termini di fiducia, di ottimismo, di possibilità nel futuro a tutta la nostra comunità. Un regalo di Riccione ai suoi ricccionesi che anche se solo sporgendosi dalla finestra vedranno brillare una stella sarà comunque dato loro un segno di serenità“.