Indietro
menu
Scelta dolorosa

Cancellata l'esibizione delle Frecce Tricolore a Rimini e Bellaria

In foto: dal video @azzurro tricolore
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 1 lug 2020 11:42 ~ ultimo agg. 18:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un brutto colpo per uno degli appuntamenti più apprezzati dell’estate. Purtroppo sia Rimini che Bellaria si sono viste costrette, per le disposizioni anti contagio, ad annullare l’appuntamento con le frecce tricolore. Erano in programma il 26 luglio a Bellaria-Igea Marina e il 23 agosto a Rimini.

L’Aero Club “E. Fogola” di Ancona ha annunciato oggi al Comune di Rimini la cancellazione della manifestazione: “In considerazione del perdurare delle norme di sicurezza legate al Covid 19 -scrive il presidente dell’Aero Club di Ancora, Massimo Bugianesi, in una nota indirizzata al Sindaco di Rimini – e tenendo conto della Direttiva dell’Aeroclub d’Italia del 07/04/2020 che concede agli organizzatori dell’evento 60 giorni prima dello svolgimento dell’evento per confermare, qualora ci fossero le condizioni, o di annullare qualora, come in questo caso, le condizioni per la realizzazione della manifestazione medesima non ci fossero, l’Aero Club di Ancona si è visto obbligato, con molto rammarico, a prendere la sgradevole decisione di procedere all’annullamento della manifestazione programmata sul litorale di Rimini per la data del 23 agosto 2020”.

“Si tratta di un arrivederci condiviso – commenta il Sindaco Andrea Gnassiad un evento di portata mondiale che Rimini tornerà ad ospitare appena le condizioni lo renderanno possibile. Voglio ringraziare le forze armate e tutti coloro i quali si sono adoperati fino alla fine per cercare di organizzare questo straordinario evento”.

Diamo questo annuncio con sincero rammarico, anche sulla scorta del confronto avuto con l’Aeroclub di Ancona, organizzatore dell’evento, e con il Direttore di Manifestazione, Col. Moretti”, spiegano in una dichiarazione congiunta il sindaco Filippo Giorgetti e l’assessore al Turismo Bruno Galli. “Si tratta pertanto di una decisione condivisa”, sottolineano, “e determinata dal perdurare delle norme di sicurezza anti Covid: il formale stato di emergenza fino al 31 luglio impone la necessità di contenere il più possibile gli assembramenti e ci ha indotto a una scelta di buon senso per la tutela dei nostri cittadini e dei nostri ospiti. Inoltre”, aggiungono, “visto il permanere di suddette misure, abbiamo ritenuto doveroso sottrarre lo stimatissimo reparto della Pattuglia Acrobatica Nazionale da possibili polemiche, per un evento che certamente avrebbe avuto notevole richiamo di pubblico e afflusso di appassionati. Ci siamo impegnati molto per trovare soluzioni percorribili e ringraziamo chi si è speso a tal scopo anche negli ultimi giorni, pur nella consapevolezza che un annullamento dello show delle Frecce Tricolori fosse tutt’altro che improbabile. Ma questa è ad oggi la decisione più saggia. Nella giornata di ieri è stata comunicata a tutti gli enti coinvolti: ringraziamo anche loro, e siamo grati in particolare alla Prefettura per l’azione di coordinamento svolta in queste settimane.” “Si tratta – proseguono Galli e Giorgetti – di un doloroso ma inevitabile arrivederci. Bellaria Igea Marina sarà pronta ad accogliere a braccia aperte le Frecce Tricolori non appena vi saranno le condizioni per farlo: con il calore e l’affetto di sempre”.

Il 26 luglio però Bellaria Igea Marina conferma una giornata evento dedicata a Reparti Militari e Forze dell’Ordine. Abbiamo infatti manifestato agli altri partner dell’evento, in primis alle istituzioni coinvolte, la volontà – dicono sindaco e vicesindaco – di confermare questa giornata di festa, rendendola un grande omaggio a chi quotidianamente si impegna per la sicurezza della nostra comunità: una domenica – sottolineano – per i nostri turisti, per le nostre famiglie e per i più piccoli, per celebrare con spirito di riconoscenza i Reparti Militari, le Forze dell’Ordine, le donne e gli uomini in divisa che operano sul territorio provinciale”.