mercoledì 26 febbraio 2020
menu
Lo scontro salvezza

Imolese-Rimini, la vigilia del tecnico Gianluca Atzori

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 21 gen 2020 18:58
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

150 giorni dopo e ad un mese esatto dal 22 dicembre (data in cui si sarebbe inizialmente dovuta giocare la partita), Imolese e Rimini si ritrovano al Romeo Galli per il match di ritorno. Le due squadre si sfideranno dopo un inizio 2020 piuttosto simile a livello di risultati: entrambe, dopo aver vinto la gara inaugurale del nuovo anno rispettivamente contro Arzignano e Feralpisalò, sono incappate in una sconfitta con Reggiana e Sudtirol. I rossoblù, però, per la prima volta in stagione, hanno la possibilità di affrontare una squadra con una classifica peggiore rispetto alla propria.

IMOLESE – Le parole di Gianluca Atzori alla vigilia del derby contro il Rimini: “Domani ci attende una partita difficile come un po’ tutte alla fine anche perché, da quando sono qui all’Imolese, il mio cammino è sempre stato quello di rincorrere. Affrontiamo una partita che reputo la più importante per diverse concause tra cui il fatto che giochiamo in casa e dobbiamo sfruttare il fattore campo contro un Rimini che si è rinforzato. Naturalmente la cosa più importante è e rimane il risultato”.

Il Mister ha poi parlato dei neoacquisti, Chinellato e Ferretti: “Li conoscevo perché nella ricerca di ciò che mancava ci serviva un giocatore con le qualità di ‘Ferro’ e uno che attaccasse la porta con le capacità fisiche di Matteo. Erano quei due giocatori che ci servivano sia per caratteristiche fisiche, sia per quelle tecniche. Pian piano cercano di raggiungere la forma fisica, Matteo, e inserirsi con quelle che sono le sue qualità. Sono dell’idea, però, che quando due giocatori, ad esempio Belcastro e Ferretti, parlano calcisticamente la stessa lingua, ci mettono poco ad andare d’accordo. Titolari? Un pensiero l’ho fatto. È una possibilità”.

I CONVOCATI
PORTIERI: 1 Libertazzi, 12 Seri, 22 Rossi.
DIFENSORI: 2 Alboni, 5 Checchi, 19 Boccardi, 23 Garattoni, 26 Carini, 27 Valeau, 29 Ingrosso, 30 Schiavi.
CENTROCAMPISTI: 4 Marcucci, 6 Alimi, 8 Tentoni, 10 Belcastro, 17 Maniero, 25 Artioli.
ATTACCANTI: 7 Latte Lath, 9 Vuthaj, 14 Ngissah, 20 Sall, 21 Chinellato, 32 Ferretti.

RIMINI – Un calciomercato invernale che ha rivoluzionato enormemente la rosa dei biancorossi. Un intervento necessario vista la situazione che vede la squadra di Colella all’ultimo posto in classifica a quota 15 punti ma a sole 4 lunghezze dalla salvezza (senza i playoff). La speranza di Mister Giovanni Colella è di invertire il trend (fino ad ora piuttosto negativo con 5 sconfitte, 1 vittoria, 12 goal subiti ed appena 4 segnati) in un girone di ritorno cruciale per il destino del Rimini.

Il modulo adottato da Mister Colella dovrebbe essere il collaudato 3-4-2-1. Davanti all’estremo difensore Andrea Sala, arrivato in estate dalla Sambenedettese, la linea ritrova Capitan Ferrani dopo il problema fisico che lo aveva costretto al forfait contro il Sudtirol. Accanto a lui dovrebbero giocare sia Paramatti, sia De Vito nonostante il neoacquisto Ambrosini sia alla ricerca di una maglia da titolare. A centrocampo Remedi affiancherà Montanari con Finizio a destra e Silvestro a sinistra. Infine, il peso dell’attacco sarà interamente sulle spalle di Ettore Mendicino – approdato a Rimini, in questo gennaio, dal Monopoli – sorretto da Letizia (arrivato dal Bisceglie) e uno tra Palma – favorito – e Cigliano.

Valerio Matteo Celotti
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919

Notizie correlate
di Icaro Sport   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna