Indietro
menu
bottino cospicuo

Altro anziano truffato: questa volta a colpire è un finto avvocato

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 18 gen 2020 12:51 ~ ultimo agg. 19:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.353
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Venerdì mattina ha suonato alla porta di un appartamento di via Fratelli Bandiera a Rimini e si è spacciato per un avvocato: “Buongiorno signora, guardi suo figlio purtroppo ha causato un grave incidente. Io sono l’avvocato della persona ferita e se non vuole vedere suo figlio finire in carcere, bisogna che mi paghi 2.000 euro come risarcimento per la mia cliente”. E l’anziana, una 81enne riminese, che vive sola, è caduta nella trappola.

La signora, in preda allo sconforto, preoccupata per le sorti del figlio, ha consegnato al sedicente avvocato tutti i soldi che aveva in casa, 500 euro in contanti. Poi, per avvicinarsi il più possibile alla richiesta dell’uomo, gli ha consegnato anche una collanina in oro. Il truffatore, ottenuto quello che voleva, l’ha rassicurata e se n’è andato col bottino. Quando l’81enne ha telefonato al figlio per sapere se era tutto a posto, ha scoperto di essere stata truffata: “Mamma, guarda che io sto bene, sono a lavoro”, si è sentita rispendere l’81enne.

In via Fratelli Bandiera sono arrivati i carabinieri di Rimini, che indagano sull’accaduto. I militari hanno raccolto una descrizione approssimativa del truffato: un signore italiano, distinto, sulla cinquantina. Il sospetto è che si tratti della stessa persona che mercoledì scorso, spacciandosi questa volta per carabiniere, aveva raggirato un riminese di 80 anni sempre con la tecnica del finto incidente (vedi notizia).