lunedì 18 novembre 2019
menu
Appello da rifare

Femminicidio Olga Matei. Nessuno sconto per "tempesta emotiva"

In foto: i rilievi sull'omicidio (Adriapress)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 8 nov 2019 21:55 ~ ultimo agg. 9 nov 14:56
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La Cassazione non ha concesso le attenuanti generiche a Michele Castaldo per l’omicidio di Olga Matei, strangolata a Riccione nel 2016. La Cassazione – riferisce l’Ansa .- ha accolto il ricorso della procura generale di Bologna e annullato la sentenza della Corte d’assise d’appello che aveva quasi dimezzato la condanna, dai 30 del primo grado a 16 anni, valorizzando la perizia psichiatrica sull’imputato, che aveva rilevato una “soverchiante tempesta emotiva” causata dal vissuto dell’uomo.

Ora la Cassazione ha annullato la sentenza riguardo al riconoscimento delle attenuanti generiche e dovrà dunque essere celebrato un nuovo appello a Bologna.

Olga Matei

Il sostituto procuratore generale della Cassazione riteneva che fosse da rigettare il ricorso avanzato dalla procura generale di Bologna contro la sentenza di appello (vedi notizia). 30 anni era la pena che in primo grado era stata richiesta dal PM riminese Davide Ercolani, richiesta accolta dal Gup Vinicio Cantarini.

Notizie correlate
di Lucia Renati   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna