lunedì 20 gennaio 2020
menu
Pronti a partire?

Metromare, il sopralluogo di Santi: ricevuta diffida formale da Riccione

In foto: il presidente Santi sul tracciato del Metromare
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 1.752 visite
lun 16 set 2019 17:12 ~ ultimo agg. 17 set 12:13
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.752
Print Friendly, PDF & Email

A settimane entrerà in funzione, anche se solo con mezzi provvisori, il Trc (ribattezzato Metromare). La data ufficiale non è stata ancora comunicata, ma potrebbe essere in ottobre. Intanto, in vista della partenza, il presidente della provincia Riziero Santi ha effettuato proprio oggi un sopralluogo con i suoi collaboratori lungo il tracciato. “Ogni 500 metri – scrive su Facebook – si incontrano funzioni strategiche come l’aeroporto, l’ospedale, il centro di Rimini o quello di Riccione, i Palacongressi, Fiabilandia, Rimini Terme. La spiaggia poi è a 150 metri. Scendi dal mezzo – prosegue – sali sulla tua bicicletta e vai dove vuoi senza ingorghi nel traffico. Quando, a settimane, l’opera partirà, e tutti vedranno da dentro di cosa si tratta, sarà tutto più chiaro e condiviso”.

Santi si dice poi sorpreso dalla scelta di Riccione di tenere chiuso al traffico il sottopasso di via Bellinimi dicono i tecnici, collaudato e funzionante“. “Si tratta – spiega – dello sfondamento, mare e monte, sotto la ferrovia che a prima vista sembrerebbe abbastanza strategico. Una ragione tecnica ci sarà sicuramente“.

Il presidente della provincia rivela poi di aver ricevuto una diffida formale da Riccione a far partire il Metromare.Quella diffida – precisa – non tiene conto però che sull’argomento, preso a pretesto, della votazione non unanime del Comitato di coordinamento (ndr. il voto contrario fu proprio del sindaco Tosi) si sono già pronunciati Tar e Consiglio di Stato su casi analoghi, dando torto al Comune. Io rispetto tutti e rispetto chi è contrario dall’inizio all’opera, ma adesso il Metromare c’e’ e non può rimanere fermo. In queste ore sono anche alle prese con sovrapposizioni di competenze fra Enti e burocrazia, ma non mollo. Metromare entro ottobre deve partire, e partirà“.

La capacità del sistema, si legge sul sito di PMR, sarà di 1.500 passeggeri all’ora per direzione di marcia. Collegherà in circa 23 minuti le Stazioni Ferroviarie di Rimini e di Riccione con 15 fermate intermedie. La frequenza prevista è di 10 minuti (5 mezzi in linea) con potenziamento fino a 7,5 minuti (8 mezzi in linea nelle ore di punta). I mezzi saranno completamente elettrici anche se quelli ufficiali (Exquicity 18T) arriveranno in ritardo e la partenza avverrà con bus sostitutivi (ma anch’essi elettrici). A bordo si potranno trasportare biciclette al seguito. Potenzialmente, secondo i progetti, il Metromare dovrebbe ridurre il traffico sulla direttrice costiera riminese di 12/15 mila auto private al giorno pari ad un calo dell’11% di polveri sottili all’anno (50 tonnellate).

Dopo una lunga gestazione, i lavori per il Trc sono partiti nel 2011/12 accompagnati da innumerevoli critiche: costi elevati (100 milioni di euro), espropri, dubbia utilità dell’opera. Ad inizio settembre il presidente della provincia Santi ha firmato il decreto di istituzione della linea. Destinata a scomparire invece la vecchia linea 11.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
Sui vissuti difficili

Confrontarsi senza incartarsi

di Andrea Turchini   
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna