giovedì 18 aprile 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
lun 1 apr 2019 09:31 ~ ultimo agg. 5 apr 09:33
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

La comunità di Santarcangelo che ha accolto Sheyck Abdo e la sua famiglia ci racconta come sta andando:

Dopo poco più di tre mesi dal suo arrivo in Italia, alla famiglia di Sheykh Abdo è stata riconosciuta la protezione internazionale con lo status di rifugiati per una durata di 5 anni (la nonna Najah ha ricevuto la protezione sussidiaria, che prevede dei requisiti leggermente differenti nel momento del rinnovo del documento o dell’acquisizione della cittadinanza italiana).

Con l’ottenimento del permesso di residenza, si potrà inziare a cercare un lavoro per Abdo, che per vari motivi al momento è l’unico della famiglia a poter contribuire dal quel punto di vista. L’obiettivo è quello di trovare qualcosa che gli possa permettere di continuare a sostenere e a diffondere la Proposta di Pace per la Siria promossa da Operazione Colomba. A questo proposito, in queste ultime settimane Abdo è stato nel nord Italia per presentare la Proposta di Pace a varie organizzazioni e scuole, e per raccogliere fondi per la sua scuola in Libano.

Samar, dopo piccole complicazioni dovute al parto, si è ripresa bene e sta seguendo la crescita della piccola Luna e l’inserimento scolastico di Hiba e Mohamed.

La nonna Najah, per problemi di mobilità, ha iniziato delle infiltrazioni al ginocchio, ed è in attesa di essere visitata da uno specialista per poter effettuare un’operazione che prevede l’inserimento di una protesi di sostegno.

In tutto questo bisogna sottolineare che proprio questa mattina è arrivata a Roma attraverso i Corridoi Umanitari la signora Eftikar (Umm Quteiba, che significa madre di Quteiba), sorella di Sheykh Abdo. Insieme a lei, i 3 figli tutti minorenni: Quteiba, il più grande di 17 anni, Raghad di 14 e Ali di 9. Dal suo arrivo a Santarcangelo, Abdo ha spinto molto perché si potessero riunificare in una zona tranquilla e lontani dalle minacce. Saranno accolti dalla Parrocchia di San Vito che ha deciso di mettersi in gioco personalmente in quest’esperienza.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
Approvato il regolamento

Terre di Coriano, parte il brand

di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna