lunedì 25 marzo 2019
di Redazione   
lettura: 4 minuti
gio 14 mar 2019 19:22 ~ ultimo agg. 19:43
Print Friendly, PDF & Email
4 min
Print Friendly, PDF & Email

Se per combattere la siccità la Coldiretti di Rimini chiede di rivedere il deflusso minimo vitale del Marecchia (vedi notizia), un coordinamento di associazioni ambientaliste riminesi che chiedono, sempre oggi, il rispetto dei deflussi minimi del Marecchia sollecitando invece l’attivazione del riutilizzo a uso irriguo delle acque reflue. Lo prevedono gli accordi regionali, ricordano, e il depuratore di Santa Giustina è quarto in Regione per capacità di acque riciclabili. Del coordinamento fanno parte Fondazione Cetacea Onlus, WWF, Ampana e di Legambiente Valmarecchia.


L’intervento delle associazioni su siccità e recupero delle acque:

La ricetta proposta dai soliti noti è sempre la stessa: più invasi e più CER. Nessuno invece sembra farsi carico di voler dare attuazione a quanto previsto da normative precise e stringenti, contenute nelle più importanti e fondamentali leggi nazionali e regionali preposte alla tutela dell’Ambiente e della risorsa idrica (il Dlgs. N.152/2006, noto come Testo Unico Ambientale; il Piano Regionale di Gestione delle Acque 2015-21; Il Piano di Tutela delle Acque; il Decreto Ministeriale N.185/2003). Ebbene, in questi contesti si afferma in maniera inequivocabile e categorica come sia necessario programmare e progettare il riutilizzo a scopo irriguo della risorsa idrica, laddove siano attivi impianti di depurazione a membrana e di affinamento delle acque reflue. In realtà abbiamo appurato anche recentemente che esiste ormai da diversi anni un interessante progetto per il riuso delle acque depurate dalla nuova linea del Depuratore di S. Giustina ( oltre 47.597 m3/die ), con pompaggio a monte delle stesse fin quasi all’altezza di Villa Verucchio, e loro rilascio, previa ulteriore fitodepurazione e desalinizzazione, nel Marecchia o stoccaggio nei bacini di cava. Ma è rimasto tuttora lettera morta: ci chiediamo perchè e chi abbia stabilito che le priorità dovessero essere altre.

Eppure, come detto, la RER prevede l’obbligo da parte di ATERSIR, insieme al Gestore (Hera qui da noi), al Consorzio di Bonifica ed agli Enti Pubblici Territoriali coinvolti, di predisporre i “Piani di riutilizzo” a scopo irriguo.

Sulla base del già citato D.n.185/2003, il PTA iindividua nella nostra Regione ventiquattro impianti, ritenuti “idonei a portare le acque reflue urbane depurate al recupero per il riutilizzo irriguo”. Naturalmente dopo affinamento, filtrazione e disinfezione delle stesse, per renderle conformi a valori massimi ancor più restrittivi di quelli normalmente tollerati per gli inquinanti presenti nelle acque di superficie .

Guarda caso, l’impianto di Rimini-Santa Giustina spicca sulle tavole allegate al PTA per essere in quarta posizione, con la sua capacità di restituzione pari ad una portata di 47.597 m3/giorno.

Sono tante le ragioni che rendono non più procrastinabile il riciclo dell’acqua. In primo luogo l’uso sostenibile della risorsa, che significa garantirne la rigenerazione in falda, soprattutto lungo i 17 km. della conoide del Marecchia, scongiurandone il prosciugamento, come invece avviene ormai sistematicamente ogni anno in superficie. Vi è poi la necessità, prescritta dalla legge, di tutelare le acque fluviali come bene ambientale e paesaggistico. Sia sotto il profilo qualitativo che quantitativo, anche tramite il rispetto del Deflusso Minimo Vitale, ovvero ponendo rigorosi limiti alle derivazioni in superficie ed agli attingimenti in falda, soprattutto là dove è possibile il riutilizzo delle acque reflue depurate (come da noi!).

Ed ancora, vi è l’urgenza di chiudere il ciclo integrato dell’acqua, nel quadro dell’economia circolare ed a fronte del fenomeno sempre più frequente di stress da approvvigionamento idrico, con gravissimi disagi per l’agricoltura e l’uso potabile.

In fine, vanno tenuti in dovuto conto la tutela stessa del territorio e del profilo costiero, sempre più minacciati dall’ingressione in profondità del cuneo salino, a causa dell’impoverimento della falda.

Giusto un anno fa abbiamo lavorato su un nostro documento “Per il Riuso dell’acqua”, inviato alla Regione Emilia Romagna ed a tutti gli Attori Istituzionali chiamati a dare una risposta a questo problema, come previsto dalle norme di legge. Abbiamo chiesto intervento decisi ed una presa di posizione pubblica Adesso non c’è più tempo da perdere. Lo si tiri fuori e lo si perfezioni quel benedetto Progetto istituzionale sotterraneo che circola ormai da anni fra gli addetti ai lavori nelle sue varie declinazioni, lo si renda pubblico, chiamando esperti, tecnici, amministratori cittadini ed agricoltori a confronto perché tutti si rendano consapevoli e protagonisti di un cambiamento necessario e vitale. Lo si faccia subito. Lo abbiamo chiesto anche in un recente incontro con autorevoli esponenti di Romagna Acque. Ci è stato ribadito che Il progetto c’è. C’è anche la disponibilità a discuterne per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica, gli agricoltori in particolare modo. Si possono ottenere acque depurate con valori simili a quelli delle acque fluenti di superficie. Addirittura migliori. Manca ancora una seria volontà politica, manca il centro motore e promotore, manca un’intesa urgente sulla ripartizione dei costi iniziali e di gestione. Gli invasi se necessari verranno dopo, perché se non piove c’è ben poco da stoccare. Intanto però un dato significativo ed allarmante:“Nel mese di gennaio 2019 nella provincia di Rimini si sono consumati 2.299.633 metri cubi d’acqua. Di questi Ridracoli ne ha forniti 775.875 pari al 33,74 %, le fonti locali (falde) 1.523.758 mc, cioè il 66,26 %”[Chiamamicittà 11.03.2019]. Se non si provvede c’e il rischio di un danno enorme all’ambiente, all’agricoltura, al Paesaggio, all’economia.

Certo, sono importanti gli stili di vita individuali e collettivi, ma la responsabilità prima e più grande è delle Istituzioni deputate al Governo del Ciclo integrato dell’acqua. Le determine dirigenziali, con le deroghe che le vanificano, sono inutili palliativi che non convincono più nessuno. Vanno fatte scelte drastiche, in conformità a quanto prescritto dalle Linee Guida della RER e PTA. I tempi sono maturi. Anzi, come dimostrano alcune realtà regionali più avanti di noi, ad esempio Reggio Emilia, sono già passati.

Altre notizie
Quanto "pesano" le foghercce?

Nel giorno dei fuochi risale il Pm10

di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
FOTO
di Icaro Sport
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna