sabato 20 luglio 2019
menu
In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 8 feb 2019 16:48 ~ ultimo agg. 16:53
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il recente aumento dei casi di morbillo la consigliera regionale del PD Nadia Rossi rilancia l’urgenza di una sensibilizzazione sul tema vaccini. “L’allerta morbillo resta alta nel riminese ed è un fenomeno da non prendere sottogamba. Non amo usare toni allarmistici, ma la correlazione tra l’aumento di casi di morbillo e la scelta di non sottoporre i bambini alle vaccinazioni deve preoccupare e farci riflettere. Le mirabolanti e fanatiche campagne no-vax non possono incidere in maniera così pericolosa sulla salute delle persone, dal morbillo fino alla prevenzione dei tumori”.

A Rimini, provincia che storicamente registrava un tasso di vaccinazione più basso della media regionale, “sono stati fatti passi avanti grazie agli obblighi introdotti dalla nostra Regione e dalla Legge Lorenzin; i casi recenti però dimostrano che non si può abbassare la guardia rispetto alle insidie della propaganda no-vax. Un ripudio delle evidenze scientifiche che pare abbia portato addirittura al calo delle vaccinazioni per il Papilloma Virus, l’unico vaccino che consente di scongiurare il rischio di sviluppare un tumore all’utero”.

La Rossi appoggia in pieno la posizione del deputato PD Marco Di Maio, per chiedere al ministro della Salute Giulia Grillo un piano nazionale urgente di sensibilizzazione sul tema vaccini. “Il governo deve decidere se stare dalla parte della scienza e del progresso o da quella degli stregoni e delle superstizioni”.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna