mercoledì 23 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
gio 4 ott 2018 11:53 ~ ultimo agg. 12:04
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

A seguito dell’incidente di ieri in via San Lorenzo Monte (vedi notizia), il consigliere comunale di Obiettivo Civico Filippo ZIlli trasmette una serie di considerazioni sul traffico, e non solo, in zona Covignano.


Ieri la via San Lorenzo in Monte è stata chiusa a causa di un incidente tra un TIR, proveniente dalla Galvanina, ed un ciclomotore.
Sono anni che, sia come Consigliere Comunale, sia come membro dell’associazione AltraRimini, sia come ex residente, denuncio lo stato di insicurezza delle nostre colline anche in termine di viabilità. Covignano viene sempre più utilizzata come svincolo autostradale tra superstrada, consolare, marecchiese e direzione Mare/Monte.

Ho, e abbiamo, fatto presente più volte in diversi incontri con l’assessore Frisoni i problemi viari di Covignano: piccole strade di campagna dove transitano giornalmente camion e TIR di ogni misura e grandezza; e questa volta si è rischiata la disgrazia.
I problemi partono dalla via Covignano, subito dopo la nuova rotonda “Gianni Fabbri”, dove troviamo la prima strettoia all’altezza della vecchia chiesa sconsacrata con via Leoni, dove giornalmente il traffico si blocca; si prosegue poi di fronte alla scuola Marvelli, soprattutto negli orari di entrata e uscita dei
ragazzi con decine di autobus e macchine parcheggiate in ogni dove, passando poi a l’annoso problema delle “fontanelle” anche li con un parcheggio selvaggio e attraversamento pedonale molto rischioso, ed infine la difficoltà della via san lorenzo a monte dove giusto ieri è avvenuto il grave incidente. Tutto ovviamente condito dalla totale assenza di marciapiedi e ciclabili a protezione di pedoni e ciclisti che a loro volta transitano in mezzo a macchine e camion.
E’ ora di disciplinare seriamente il traffico collinare. Abbiamo presentato diverse alternative all’amministrazione, mai ascoltate, come quella della realizzazione di una rotonda con al centro l’ “arvura” (la grande quercia che tutti conosciamo in fondo alla via s. lorenzo), in modo da vietare la percorrenza della via covignano e veicolare e facilitare il transito dei grandi mezzi pesanti da una strada a loro più congeniale e “riservata”; o lo spostamento delle fontanelle nel parcheggio dell’ex assassino (di cui si è già discusso anche con Rom. Acque), in modo da porre fine ai continui problemi e rischi che si vivono giornalmente, e quant’altri…
Covignano potrebbe rappresentare un gioiello naturalistico, storico, culturale ed etnografico di Rimini, ma sta morendo nell’indifferenza.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna