giovedì 22 agosto 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 21 feb 2018 11:47 ~ ultimo agg. 12:02
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Annunciando un incontro elettorale del centrodestra in programma domani sera a Rimini, Gennaro Mauro, capogruppo a Rimini del Movimento Nazionale per la Sovranità, propone anche riflessioni sul voto e sul percorso di Sergio Pizzolante, da esponente di primo piano del centrodestra al centrosinistra.

“Un voto per l’Italia è quello che chiediamo ai riminesi, siamo l’unica coalizione che può ottenere il numero di parlamentari sufficienti per  dare governabilità al nostro Paese, e che ha le carte in regola e un valido progetto politico per poterlo fare. La sfida si concentra soprattutto a Rimini, dove i due collegi uninominali di Camera e Senato sono alla portata del centrodestra, soprattutto alla Camera con una candidata grillina travolta dalla love story dai profili tragico comici, e con un candidato del centro sinistra che rappresenta la migliore espressione di equilibrismo politico per far dimenticare all’elettorato il suo passato nelle file di Forza Italia, prima e del PdL poi.

Un po’ di amarezza serpeggia nelle nostre file, nel 2013 era il leader del centrodestra nella regione Emilia Romagna, oggi (Pizzolante ndr) ci fa sapere che coerentemente con la sua cultura socialista e craxiana si presenta nello schieramento di centrosinistra. Probabilmente per un decennio non lo abbiamo capito, hanno mal compreso anche i nostri elettori. Parla di essere sceso in campo per combattere la deriva populista della Lega, dimenticando che nei suoi trascorsi di parlamentare era in maggioranza con la Lega ha sostenuto Bossi come ministro della Repubblica.

Parlare di restituire agli italiani il potere di decidere il proprio destino, anteponendo la nostra Costituzione al diritto comunitario, chiedere la revisione dei trattati europei, tutelare gli interessi italiani a partire dalla sicurezza del risparmio e al nostro made in Italy, meno politiche di austerità e rimandare ai loro paesi di origine gli immigrati che non hanno titolo a restare in Italia, non significa essere cadere in una deriva populistica. Oggi gli elettori del centrosinistra dovranno ingoiare un boccone amaro se vorranno seguire la svolta di Matteo Renzi”.

Giovedì sera alle ore 20,30 i candidati della coalizione di centrodestra Elena Raffaelli e Antonio Barboni incontreranno la cittadinanza alla sala Marvelli della Provincia in via Dario Campana. Modera lo stesso Gennaro Mauro.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Terzo anno in maglia a scacchi

Andrea Montanari resta in biancorosso

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna