domenica 25 agosto 2019
menu
In foto: Demiraj nel luogo dove venne trovato il corpo di Mannina
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto Visualizzazioni 1.184 visite
gio 20 apr 2017 08:16 ~ ultimo agg. 18:04
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto Visualizzazioni 1.184
Print Friendly, PDF & Email

La Corte d’Assise d’Appello di Bologna ha ribaltato la sentenza per Sadik Dine, lo zio di Dritan Demiraj. I giudici hanno rivalutato la complicità del pescatore e lo hanno condannato all’ergastolo per l’omicidio di Silvio Mannina. In primo grado Dine aveva preso solo 5 anni per occultamento di cadavere. Per lui si potrebbero così aprire a breve le porte del carcere. Confermati, invece, i 30 anni per Monica Sanchi, compagna di Demiraj al tempo degli omicidi. Era stata lei a dire che mentre veniva ucciso Mannina, era presente anche Sadik Dine. Demiraj, già condannato all’ergastolo per il duplice omicidio di Mannnina e della sua ex compagna Lidia Nusdorfi, si trova in coma dopo un’aggressione subita nel carcere di Parma.

L’avvocato di Dine ha dichiarato che presenterà ricorso in cassazione.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna