martedì 23 luglio 2019
menu
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 24 nov 2015 12:15
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Il Centro Karate Riccione torna dal Palafijkam di Ostia con la prima storica medaglia nel Kumite (combattimento) ai Campionati Italiani di Karate categoria Esordienti A.

A centrare l’impresa è stata Costanza Falcioni (-60 kg) che dopo l’exploit di Piacenza, era chiamata alla prova più difficile, quella di confrontarsi con le atlete più forti d’Italia. Motivata come non mai e consapevole delle proprie capacità, la Falcioni ha subito affrontato il tatami con cattiveria e determinazione. Senza problemi contro l’ aquilana Alessia Colasi e la trentina Arianna Valente, al terzo turno si è trovata di fronte la fortissima catanese Valentina Pacino, una tra le migliori atlete italiane e per Costanza (all’esordio nel campionato italiano) era un banco di prova straordinario. L’incontro è stato equilibrato e tecnicamente di altissimo livello. L’ampia gamma di colpi, sia calci che pugni, portati dall’alfiere della Perla Verde hanno disorientato la più esperta avversaria che si è dovuta difendere con difficoltà evidenti. Il verdetto arbitrale ha visto prevalere la siciliana (laureatasi poi campionessa d’Italia), ma per Costanza Falcioni è valso l’ingresso prepotente nell’élite del kumite nazionale. Tanto che ai ripescaggi non c’è stato scampo per la torinese Simona D’Attilo e l’avellinese Alessandra Fasolino, successi che sono valsi il terzo posto all’atleta riccionese, prima storica medaglia per il Centro Karate Riccione nel kumite dopo innumerevoli titoli italiani vinti nel kata.

Il responsabile tecnico Riccardo Salvatori ha portato a Ostia anche Matilde Galassi e Alberto Copioli, che avevano conquistato il lasciapassare ai Regionali nella gara di Piacenza la settimana precedente. Per Matilde Galassi niente da fare contro la vice campionessa italiana mentre Alberto Copioli ha esordito con un po’ di emozione, portandosi a casa una esperienza unica e gratificante.

Per il Maestro Riccardo Salvatori: “è una soddisfazione incredibile, dopo i successi nel kata, siamo competitivi anche nel kumite. Mi avvalgo della collaborazione di tecnici prepararti e questa medaglia è da dividersi anche con l’insegnante Vito Mininni”.

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
Le mille sfumature del giallo

Il Mystfest torna con un omaggio a Pinketts

di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna