giovedì 18 luglio 2019
menu
In foto: Con la serata di Preghiera senza barriere, questa sera, e con una commedia dialettale, si apre "Gente in festa", a San Martino in Riparotta.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 24 mag 2007 19:02 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Sabato e domenica il clou, con gli stand, i giochi, la musica e la sfilata di auto e moto d’epoca. Ma per don Danilo Manduchi, parroco di San Martino in Riparotta, tra la nuova fiera e un quartiere in forte espansione, é anche l’occasione per riflettere sui profondi cambiamenti della sua parrocchia e della sua frazione.

“Mi ritrovo a vivere le stesse vicende che ho vissuto venti anni fa alla parrocchia del Crocifisso, con la situazione di via Acquario di allora – racconta don Danilo – da noi, per fortuna, non in modo così traumatico. Ma c’é una forte espansione numerica e territoriale. Il che significa che in questo momento il nostro é, come si dice, un quartiere dormitorio. C’é stato – spiega don Danilo – un triplicamento delle famiglie appartenenti alla parrocchia.
Vi sono tutte le situazioni tipiche per cui é importante e opportuno che la parrocchia dica la sua parola. Dal fatto che i genitori lavorino, quindi un certo abbandono dei figli, non certo voluto ma di fatto é così, al fatto che le persone hanno pochissimo tempo libero perché devono lavorare, due o anche tre lavori.
E ancora, la disgregazione sociale, portata dal fatto che non si é cresciuti nell’ambiente che si abita in questo momento.
E ancora, prosegue don Danilo, una tipologia di appartamenti molto piccola, il che significa che appena viene un figlio, o forse due comunque al massimo, si pone la necessità di cambiare appartamento e quindi di andarsene.
Insomma, nella consapevolezza delle persone c’é il fatto di esserci in modo temporaneo, e non certo come in un territorio in cui é importante porre le proprie radici.
E chi anche lo fa, porre radici e cercare una relazione – con gli altri, con la parrocchia, con la scuola, col quartiere, con la società – mi pare che in questa fase della vita abbia pochissimo tempo e pochissime energie, per cui c’é un forte individualismo. Una forte monadizzazione delle famiglie, un forte isolamento sul quale é difficile anche per la parrocchia riuscire a dire una parola.
Ma se non ci riusciamo noi, conclude don Danilo, non vedo molti altri che possano riuscirci”.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna