domenica 25 agosto 2019
menu
In foto: "Piccolo o grande che sia uno Stato, quando c'è il talento viene fuori". Manuel Poggiali, il sammarinese già campione del mondo nelle 125 e nelle 250, spinge la nazionale olimpica della Repubblica del Titano ad andare forte come lui, a provare ad entrare nella storia.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 13 ago 2004 15:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

“Siamo tutti abbastanza intelligenti – dice durante la presentazione della squadra in una trattoria della Placa sotto il Partenone – per sapere quello che dobbiamo fare e certo non devo dare consigli ai cinque atleti che sono qua. San Marino, non solo nella moto, si è levata già le sue soddisfazioni”.
Il suo momento nel mondiale non è granché: “Siamo abbastanza indietro – dice – i problemi ci sono, ci sono stati e ci saranno ma lavoriamo duro per risolverli”.
A lei che pratica uno sport così diverso, manca l’Olimpiade? “Intanto non mi rendo ancora conto di cosa sia, un’Olimpiade. E’ forse il momento
più importante dello sport, ma un mondiale è la stessa cosa. Poi, se facessero delle due ruote un evento olimpico, sarei contento di partecipare”.
I centauri sono famosi, qui ci sono atleti straordinari che nessuno conosce: “Dipende dall’audience e da strane situazioni. Basta pensare al golf, chiunque conosce Tiger Woods. Io, e credo
più o meno tutti in Italia, del secondo golfista mondiale non so nemmeno che faccia abbia”.
C’è un futuro per lei nel MotoGp? “Lo spero”.

Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna