sabato 15 dicembre 2018
In foto: Il Rimini torna da Trento con i tre punti, ma il San Marino non gli ha dato una mano: ieri infatti i biancorossi speravano di riavvicinare il Teramo, che però è riuscito a espugnare l’Olimpico di Serravalle:
(nella foto l'attaccante biancorosso Di Nicola)
www.riminicalcio.com
di    
lettura: 1 minuto
lun 11 mar 2002 09:24 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 3
Print Friendly, PDF & Email

a Trento mister Foscarini ha presentato un undici inedito, con Micchi e D’Angelo fuori per prendere fiato e Luconi in avanti a fianco di Di Nicola.
Le cose si mettono bene subito: al 1’ Ricchiuti calcia a colpo sicuro, ma il portiere locale Rotoli si supera e respinge. Al 5’ Rotoli nulla può su un preciso diagonale di Mussoni. I padroni di casa in avanti sono poco incisivi e dietro scherzano troppo col fuorigioco: al 25’ Luconi non controlla a tu per tu con Rotoli; due minuti dopo Di Nicola si dimostra più freddo e segna il 2 a 0 scattando sul limite dell’off side.
La partita è quasi tutta qui: al 38’ Ricchiuti potrebbe triplicare, ma è ancora bravo Rotoli. La ripresa vede i biancorossi controllare il risultato senza patemi, con un insidioso affondo di Mussoni al 71’, chiuso in uscita da Rotoli, e una mischia pericolosa davanti a Bizzarri al 73’. Al 37’ il Trento rimane in 10 per l’espulsione di Pierotti.
C’è spazio anche per il ritorno di Maurizio Neri, che ha giocato il primo scampolo di gara dopo 10 mesi. Se il Teramo rimane ancora lontano 5 punti, il secondo posto sembra ormai cosa fatta: il Gubbio, terzo, è 5 punti sotto. Sentiamo il commento del mister biancorossoFoscarini.

Il Teramo, oltre a tenere a distanza il Rimini, ha dato un brutto colpo alle speranze di play off del San Marino. I titani hanno giocato alla pari con la capolista, ma la differenza è stata in fase conclusiva: bravo l’abruzzese De Angelis, che non ha fatto rimpiangere l’assente Myrtaj e al 77’ ha segnato la rete decisiva con un preciso colpo di testa; troppo impreciso il biancazzurro Pelatti, che ha mancato tre palle gol: la più clamorosa nel finale, a tu per tu con il portiere del Teramo.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna