Indietro
lunedì 17 giugno 2024
menu
A Città di Castello

Record italiano per la staffetta mista di nuoto guidata da 90enne riminese

In foto: dal sito del comune umbro
dal sito del comune umbro
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 9 giu 2024 14:38 ~ ultimo agg. 10 giu 11:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un quartetto tutto emiliano-romagnolo, guidato dal quasi 90enne Filiberto Bonduà, ha firmato a Città di Castello il record italiano con la staffetta M320 quattro per 100 mista della polisportiva Garden di Rimini. Lo ha fatto nel corso del 37esimo meeting internazionale master “Italo Galluzzi”. Gli organizzatori, fa sapere il comune umbro, stanno ora verificando attraverso i giudici di gara e la Federazione italiana nuoto se può trattarsi anche di record europeo o mondiale.

La staffetta record era composta da Ermete Caleri, 67 anni, originario di Rimini, primo frazionista a dorso, Pierfranco Agrestini, 84, bolognese, rana, e i riminesi Giuseppe Fantini, 85, delfino, e appunto Filiberto Bonduà, quasi 90 anni, stile libero e ultimo frazionista. Gli atleti romagnoli non sono nuovi a tali imprese di caratura nazionale o oltre ma non avevano mai tentato la staffetta con frazioni da cento metri.

Al termine delle gare e la festa con tanto di “terzo tempo” il gruppo ha ripreso l’auto per tornare nella loro Rimini. “Lì abbiamo figli ma soprattutto nipoti e la sera ci piace stare con loro“. La vittoria la dedicano in particolare ai giovani “nella speranza di trasmettere loro i veri valori dello sport, del nuoto in particolare“.

Bonduà, macchinista di treni in passato e grande appassionato di sport e Giuseppe Fantini, controllore di volo, sono diventanti amici praticando il tennis e poi il nuoto. Per loro il segreto del successo è “tanta passione, allenamento giornaliero, sana alimentazione e sorriso sulle labbra“. “Lo sport – sottolineano – prima è condivisione di valori comuni di solidarietà e spirito di sacrificio e l’età non conta finchè si ha la forza di andare avanti e voglia di scendere in acqua nulla è precluso“.