Indietro
martedì 18 giugno 2024
menu
dopo 10 anni

La formula E lascia l'Italia e Misano. Albani: lavoreremo per ridurre l'assenza

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 11 giu 2024 16:05 ~ ultimo agg. 18:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Oggi la FIA, Federazione automobilistica internazionale, ha diramato il calendario 2025 della Formula E. Per la prima volta, dopo 10 anni, manca l’Italia e di conseguenza manca il Misano World Circuit che l’aveva ospitata nell’aprile scorso. Con le prestazioni in continua evoluzione delle vetture e la pianificazione serrata del calendario, trovare il luogo e il tempo giusti non è stato possibile per un E-Prix nella prossima stagione.

Nel 2025 la Formula E sarà in Brasile, Messico, Arabia Saudita, Stati Uniti, Principato di Monaco, Giappone e Cina, Indonesia, Germania e Regno Unito, oltre ad un altro Paese in attesa di conferma.

“A fine 2023 – commenta Andrea Albani, managing director di Misano World Circuit – abbiamo aderito con entusiasmo all’idea di un E-Prix Misano nella primavera 2024 e in pochi mesi, grazie al supporto delle Istituzioni e al nostro consolidato know how organizzativo, abbiamo accettato una sfida che ha espresso il massimo potenziale di un e-prix di Formula E in Italia. Il Paese ha certamente bisogno di colmare un divario culturale e infrastrutturale legato alla mobilità sostenibile, così da generare attrattività per gli investimenti delle aziende, fino a radicare eventi che tengano insieme tutto questo coi valori della competizione sportiva. La Motor Valley e Misano World Circuit sono indiscutibilmente un terreno fertile. Manterremo alto l’interesse per una competizione che, lo abbiamo ben compreso nell’aprile scorso, rappresenta un balcone affacciato sul futuro, anche per quanto riguarda il motorsport. Siamo in contatto col board di Formula E per trovare spazi di collaborazione che stimolino un percorso, fatto anche di eventi interlocutori, finalizzato al ritorno in breve tempo di un e-prix in Italia”.