Indietro
martedì 16 aprile 2024
menu
Basket Divisione Regionale 1

La Fast Coffee Tigers piega Omega a suon di triple

In foto: L'ala Matteo Bomba (Foto Alfio Sgroi)
L'ala Matteo Bomba (Foto Alfio Sgroi)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 2 mar 2024 16:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Fast Coffee Villanova Tigers – Omega Basket Bologna 96-89 (35-23; 55-45; 76-62)

IL TABELLINO
Fast Coffee Villanova Tigers: Guiducci Fe. 6, Bomba 29, Bollini 3, Buo 13, Zanotti 8, Raffaelli 22, Guiducci To. 5, Mussoni 10, Guiducci Fi. ne. All: Amadori

Omega Basket Bologna: Vandi 26, Prati 13, Saccà 11, Ceccolini 7, Ballardini 1, Tazzara 5, Vicinanza 6, Villa 7, Vacchi 13. All: Berselli.

Arbitri: M. Guerrini di Faenza, Edoardo Carpanelli di Bologna.

CRONACA E COMMENTO
Fast Coffee Villanova Tigers investe Omega di una pioggia di triple (17 alla fine) e porta a casa una vittoria quanto mai preziosa, ancorché meritata. Alle assenze già conclamate (Filippo Guiducci in panca solo per onor di firma, e Polverelli, si aggiunge quella all’ultimo minuto di capitan Zannoni. Le Tigri recuperano però Buo, conducono tutta la gara e raccolgono gli applausi dei tifosi al termine di 40’ veloci, intensi e godibili.

Pronti via, Bomba è “on fire” e tutta la squadra ha il canestro nel mirino: dei primi 20 punti, ben 18 arrivano dai 6,75. Il timeout Omega non sortisce l’effetto sperato, e i padroni di casa chiudono 35-23 un primo periodo dal punteggio altissimo. Vandi e Prati suonano la carica per gli ospiti, sul 40-33 coach Amadori preferisce parlarci su e i risultati si vedono: si accendono anche Buo e Mussoni (49-36 a 3”10), e i Tigers vanno al riposo lungo sul 55-45.

Di ritorno dagli spogliatoi ti aspetti la reazione ospite, l’esperto capitan Saccà ci prova, Vandi è sempre prezioso in regia e a punti, ma complici un antisportivo proprio di Vandi, un tecnico alla panchina e l’ennesima tripla di Bomba, i Tigers scappano sul +18 (68-49). Tecnico allo stesso Bomba, entra Fabbri, il terzo periodo finisce 76-62. Vandi è scatenato, Villa lo segue, Omega piazza un terribile break 11-0 e soffia sul collo dei Tigers (76-73). Raffaelli dall’arco rimette le cose a posto, Omega si rifugia di nuovo in time out a 5”05 (85-76). I Tigers allungano ancora (88-79 a 3”39, poi qualche scelta affrettata regala qualche pallone di troppo ai bolognesi, Vacchi esplode due triple, Vandi è preciso in lunetta e Omega è di nuovo lì, a 2 sole lunghezze (88-86). L’ennesima tripla di serata e i liberi di Buo riportano i padroni di casa a +6 a 1”, il valzer finale in lunetta non cambia l’inerzia, i Tigers possono esultare: 96-89.

IL DOPOGARA
“È stata una bella partita, molto intensa, caratterizzata da una pioggia di triple, 17 noi e 12 Omega, e da alte percentuale al tiro – commenta il coach delle Tigri, Michele Amadori –. In assoluta emergenza, senza tre giocatori da quintetto (Fi. Guiducci, Polverelli e Zannoni, ndr), mi è piaciuto il modo con cui i ragazzi hanno approcciato la gara, il carattere e la buona circolazione palla. Sul +17 non siamo riusciti a chiudere la gara per la frenesia in attacco del secondo tempo, ma di fronte c’era una squadra che segnava tanto, fino ad arrivare a -2 ma con due triple abbiamo chiuso la porta a Omega. Vorrei spendere una parola su Bomba nomen omen: 8/11 dall’arco, prestazione maiuscola del n. 10, iniziata da ala grande, poi esterno e poi play, una presenza in attacco e in difesa. Si è preso tanta responsabilità. Bene anche Raffelli, altro killer dai 6.75. Va dato merito agli avversari che trovavano tanto canestro. Bravi noi a realizzare 96 punti, correndo in con campo aperto, in contropiede, con Buo e Mussoni soprattutto. prestazione positiva e due punti importati. C’è da lavorare tanto in difesa per correggere certi errori, ma la prestazione è stata positiva con due punti importanti per la classifica”.