Indietro
giovedì 22 febbraio 2024
menu
FSGC

Pelliccioni e Zoppis a Nyon per il Digital Workshop condotto dalla UEFA

In foto: Zoppis e Pelliccioni (@FSGC)
Zoppis e Pelliccioni
(@FSGC)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 4 dic 2023 15:22 ~ ultimo agg. 15:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Interessante opportunità formativa lanciata dal UEFA NAs Communications Department e rivolta alle Federcalcio affiliate, con al centro il tema della comunicazione digitale. Gli scorsi 28 e 29 novembre, Luca Pelliccioni ed Andrea Zoppis – rispettivamente responsabili dell’Ufficio Stampa e dell’Area Merchandising e SLO per la FSGC – hanno preso parte alla due giorni di lavori coordinata da Monika Mkhitaryan e Carlos Laorden della UEFA. A guidare i quindici partecipanti, rappresentanti federazioni che condividono risorse umane e finanziare dedicate alla comunicazione pressoché simili, due mentori d’eccezione: Geoff Wilson e Stuart Rowson. Il primo, consulente UEFA per le attività di comunicazione e non solo, è anche uno dei punti di riferimento della FSGC dal lancio del suo primo piano dedicato alla strategia comunicativa ed ancor prima dalla creazione del Piano Strategico lanciato nel 2021. Il secondo, con un recentissimo passato da giornalista della BBC – tra le altre – ha messo a disposizione dei corsisti le proprie competenze, specificamente legate all’efficacia della comunicazione sulle piattaforme digitali, in particolar modo i social networks.

Partendo dalle nozioni base relative alla creazione di un piano di contenuti settimanale e mensile, allineato ad una serie di obiettivi strategici che ogni Federcalcio partecipante ha stilato con l’impegno di raggiungerli entro dodici mesi, il programma di attività ha spaziato da temi di stretta attualità quali: il coinvolgimento delle nuove generazioni attraverso uno storytelling efficace ed accattivante; esempi specifici sulle modalità di comunicazione con un’audience specifica ed altamente selettiva in termini di contenuti; funzionalità di SEO e studio del funzionamento degli algoritmi dei social network; strumenti utilizzabili e suggerimenti per la creazione di contenuti multimediali e digitali.

Il secondo giorno di lavori ha mosso da tangibili esempi professionali simili alle realtà comunicative delle Federazioni rappresentante (oltre a San Marino, anche Albania, Andorra, Bielorussia, Bosnia ed Erzegovina, Lettonia, Liechtenstein, Lussemburgo, Moldavia, Montenegro). Particolarmente ispirante il caso di studio proposto dalla Federbasket della Repubblica d’Irlanda, illustrato da Nathaniel Cope. Giornalista dal curriculum impressionante, ha mostrato e dimostrato come il rebranding dell’associazione irlandese ed una marcata svolta digitale, basata sulla distribuzione in live streaming degli incontri di pallacanestro grazie a telecamere dotate di intelligenza artificiale, abbia allargato in maniera sorprendente gli orizzonti di una Federazione non certo rappresentante lo sport più praticato a livello nazionale irlandese. Diversi i punti di contatto, nel caso specifico, con l’inaugurazione della giovane piattaforma OTT della FSGC, Titani.tv. La successiva testimonianza professionale è arrivata direttamente dall’unità UEFA Corporate Communications, tramite l’analisi a quattro mani di Andy Jones e Valeérie Robert-Tissot. I due, unici professionisti coinvolti nella sezione con sede a Nyon, hanno mostrato come una comunicazione social esclusivamente organica (dunque, senza contenuti con targeting a pagamento) abbia generato chiari benefici, soprattutto basandosi su una chiara programmazione settimanale e mensile, tenendo conto di giornate ed eventi chiave cui allinearsi.

Prima del rientro delle rispettive delegazioni ai paesi di appartenenza, c’è stato tempo per addentrarsi nelle specificità dell’e-mail marketing, delle funzionalità specifiche dei siti internet e delle potenzialità che risiedono nelle applicazioni di messaggistica istantanea (Whatsapp e Facebook Messenger, ad esempio). In chiusura, il centrale tema dell’analisi dei dati e dei rendimenti delle diverse piattaforme multimediali, attraverso strumenti integrati (Instragram e Business Suite Insights) o multipiattaforma (qual è, ad esempio, Google Analytics). Una visione d’insieme che è culminata in una sessione di open speech di partecipanti e relatori sulle modalità di collaborazione tra piccole Federazioni e successivi appuntamenti sul tema, che si aggiornerà al più tardi nel mese di marzo con la valutazione di metà corso dei rispettivi piani strategici digitali presentati in sede di UEFA Digital Workshop.

Ufficio Stampa FSGC