Indietro
mercoledì 24 aprile 2024
menu
Finanziato dall'Unione Europea
Le opinioni espresse sono tuttavia solo quelle degli autori e non riflettono necessariamente quelle dell'Unione Europea. Né l'Unione Europea né l'autorità concedente possono essere ritenuti responsabili per loro.
fase finale a Rimini

S-TEAM europeo con Assoform. L'Italia rappresentata da una scuola riminese

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 6 lug 2023 11:37 ~ ultimo agg. 10 lug 14:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

C’è anche l‘Istituto Spallanzani di Rimini a rappresentare l’Italia nel progetto “S-TEAM: Schools Team-Up Using Hackathon For Girls Inclusive Stem”, rivolto alle scuole medie e organizzato dall’ente di formazione di Confindustria Romagna Assoform Romagna in partnership con l’associazione spagnola Women Space e la scuola croata Ivana Cankara.
Il percorso, attualmente in corso, coinvolge 3 scuole medie, 1 italiana, 1 spagnola e 1 croata, con 6 classi per ciascuna scuola e un totale di circa 350 alunni.

Il percorso – spiega Giacomo Fabbri presidente di Assoform Romagna – vuole favorire lo scambio di buone pratiche tra le realtà europee per lo sviluppo di corsi di formazione STEM, di pratiche e percorsi per ridurre il divario di genere nelle scuole, incoraggiando e promuovendo la dimensione europea nelle scuole, con il coinvolgimento di insegnanti e studenti di diversi paesi europei. Un progetto che si inserisce nell’ambito dell’ampia attività di Confindustria Romagna e Assoform Romagna indirizzata a ridurre il gap fra mondo della formazione e quello delle imprese. Da tempo, infatti, le aziende della Romagna di vari settori, in linea con il resto del Paese, registrano una grande difficoltà nel trovare profili professionali competenti e specializzati”.

Dopo una prima fase conoscitiva e una serie di incontri di approfondimento dedicati agli insegnanti, sono state realizzate lezioni teoriche e pratiche con gli studenti (30 ore per classe). Le classi
hanno poi presentato i loro progetti in una gara che ha visto la selezione dei migliori tre, uno per paese. Il vincitore sarà decretato nell’hackathon finale che si terrà a Rimini il prossimo autunno.