Indietro
venerdì 14 giugno 2024
menu
musica e cultura

Si alza il sipario sugli eventi estivi di Montegridolfo

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 7 giu 2023 19:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dalla grande musica alla cultura: un borgo da vivere e scoprire, un luogo dell’anima per trovare rifugio lontano dal caos e fare il pieno di emozioni. Si alza il sipario sulla rassegna estiva del Comune di Montegridolfo: è un calendario ricco di appuntamenti quello che attende i visitatori del paese della Valconca alla ricerca di esperienze inusuali in una cornice suggestiva immersa nel verde dell’entroterra. Il cartellone è promosso dall’Assessorato alla Cultura, Turismo e Comunicazione del Comune di Montegridolfo, con il coordinamento del vice sindaco e assessore Marco Musmeci, e il contributo di Visit Romagna.

E’ già partita la terza edizione della rassegna cinematografica “Dal paesaggio di Montegridolfo ai paesaggi del mondo”, che porta in scena pellicole dove, al pari della sceneggiatura e degli attori, il paesaggio riveste un ruolo da protagonista. Il filo conduttore dell’edizione 2023 è quello dell’acqua. Acqua come elemento primario per la vita e per l’ambiente (“L’imbalsamatore”), via di comunicazione tra le genti e le cose (“Fuocoammare”), elemento di bellezza del paesaggio (“La stanza del vescovo”). Dopo la proiezione de “L’imbalsamatore” andata in scena sabato 27 maggio, il festival prosegue sabato 10 giugno, alle 21, nella palestra comunale di Trebbio, con “Fuocoammare” (ingresso gratuito). Giovedì 15 giugno sarà recuperata la proiezione del film “La stanza del vescovo”.

Anche Montegridolfo aderisce alla Lunga Notte delle Chiese, la prima notte bianca dedicata ai luoghi di culto italiani: venerdì 9 giugno vengono organizzate diverse iniziative e programmi culturali: musica, visite guidate, mostre, teatro, letture, momenti di riflessione e tanto altro. A partire dalle 21, l’assessore alla Cultura Marco Musmeci curerà una visita guidata alla Chiesa di San Rocco accompagnata da una conferenza. Un’occasione per ammirare da vicino la tela di Guido Cagnacci, raffigurante la Madonna col Bambino adorata dai Santi Sebastiano, Rocco e Giacinto, così come gli affreschi, come la Madonna in trono col Bambino tra i Santi Rocco e Sebastiano, risalente al XV secolo, recentemente oggetto di un prezioso lavoro di restauro.

Un tuffo nel passato sarà invece al centro dello spettacolo multimediale in programma venerdì 21 luglio a Palazzo Viviani. Si tratta di un evento a cura dell’archeologo e divulgatore Gianmatteo Matullo e dell’esperta nell’organizzatrice di eventi culturali Chiara Bocchino. “Vesuvius – L’eruzione del 79 descritta da Plinio” è il titolo dello spettacolo basato su una lettura parzialmente rivisitata delle lettere che Plinio il Giovane inviò all’amico Tacito nelle quali racconta la sua impressionante e terribile esperienza di sopravvissuto all’eruzione più famosa della storia. La lettura sarà corredata da una proiezione di immagini e da una suggestiva sonorizzazione che permetterà al pubblico di rivivere l’esperienza dell’eruzione del 79 d.C., tra suoni e atmosfere del catastrofico evento.

La musica avrà un ruolo da protagonista nell’estate di Montegridolfo. Torna per la quarta edizione il Festival musicale “Concerti al Castello”, ideato dall’assessore alla Cultura, Turismo e Comunicazione Marco Musmeci, che durante l’estate porta note classiche e moderne nelle incantevoli atmosfere del borgo di Montegridolfo. Tre le date in programma che faranno risuonare le grandi note nello spazio raffinato e suggestivo del giardino degli ulivi di Palazzo Viviani. Si comincia sabato 17 giugno con il concerto dell’Orchestra di fiati del Corpo bandistico di Mondaino insieme al coro lirico Perla Verde di Riccione. Sabato 29 luglio, dopo il grande successo riscosso nel 2022, tornerà ad esibirsi a Palazzo Viviani il pianista Davide Tura, insieme a Veronica Conti e Andrea Costa. Ultimo appuntamento sabato 5 agosto con la MYO (Mondaino Young Orchestra) con il suo travolgente repertorio di musica jazz.