Indietro
giovedì 23 maggio 2024
menu
Campionato Sammarinese

Il San Giovanni torna in campo dopo tre settimane contro il Tre Penne

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 31 mar 2023 15:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si torna in campo dopo tre settimane fra turno di riposo e pausa per le Nazionali e la volata di 540 minuti per accaparrarsi una piazza playoff si apre contro una delle big del torneo: per la
26esima giornata del Campionato Sammarinese, domani, sabato 1 aprile, il San Giovanni ospita infatti il Tre Penne. La truppa di mister Marco Tognacci è reduce da un’altalena di successi (nelle tane del Fiorentino e del Faetano ) e di cadute con Tre Fiori e Juvenes Dogana che valgono il decimo posto in compagnia del Pennarossa a più due sul tandem Fiorentino-Murata. Una piccola dote da conservare assolutamente in questo rush finale che si apre contro il Tre Penne secondo della classe ad appena una lunghezza dalla vetta. Il tecnico non si lascia però intimorire dal calendario e spinge i suoi ragazzi all’impresa.

Mister, si torna finalmente in campo.
“Prima di parlare di calcio, vorrei rivolgere il pensiero a Massimo “Bobo” Gori e alla tragedia che ha colpito tutti noi qualche giorno fa: dividevamo il campo di allenamento e lo spogliatoio, ci confrontavamo spesso a fine seduta ed era veramente una bella persona oltre che un allenatore preparatissimo. Mancherà a tutti e al campionato, è una perdita enorme e rivolgo un pensiero e un abbraccio di cuore ai suoi cari”.

Come si presenta il San Giovanni a queste cinque finali tutte d’un fiato?
“Stiamo bene, abbiamo finalmente recuperato tutti fra infortunati e squalificati vari e siamo pronti a giocarcela con l’infermeria finalmente svuotata. Abbiamo lavorato al meglio, sempre a ranghi completi e ci sarà da fare delle scelte, ma era ora…”.

Il Tre Penne è secondo in classifica a un punto dalla Cosmo contro cui giocheranno mercoledì: spera possa essere distratto?
“Assolutamente no, hanno una rosa ampia e costruita per vincere, sono una corazzata che non regalerà di certo nulla perché è in piena corsa per il suo obiettivo. Ma anche noi abbiamo il nostro e venderemo di certo cara la pelle”.

E per chiudere, quanti punti pensa saranno necessari per arrivare ai playoff?
“È un po’ complicato fare calcoli, perché qualcuna di quelle vicine a noi deve ancora riposare, ci sono scontri diretti e le variabili sono diversi. Abbiamo il Domagnano noi di rivali, Fiorita e Tre Penne che si giocano la vetta, è tutto da scrivere e penso che fino agli ultimi minuti dell’ultima partita non ci saranno certezze. Vogliamo essere lì in quel momento, con tutte le nostre chance”.