Indietro
mercoledì 24 aprile 2024
menu
117 medaglie nel palmares

L'ex CT della Nazionale rumena, Forminte, è il nuovo DT della Ginnastica Riccione

In foto: Nicolae Valerian Forminte
Nicolae Valerian Forminte
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 2 feb 2023 09:45 ~ ultimo agg. 3 feb 14:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È l’allenatore che ha inventato il volteggio Amanar, che ha preso il nome dall’atleta che lo portò in pedana per prima, Simona Amanar, e che prevede due avvitamenti e mezzo. Nel suo palmares figurano ben 117 medaglie, di cui 16 alle Olimpiadi, tra Sydney, Atene e Pechino, e 25 ai Mondiali, oltre a vent’anni (di cui dieci in qualità di head coach) nella Nazionale del suo Paese, la Romania.

Nicolae Valerian Forminte ha scelto la Ginnastica Riccione per il suo futuro. Già da qualche settimana ha assunto l’incarico di direttore tecnico della società del presidente Francesco Poesio.

“Mi trovo sempre bene in Italia – attacca il diretto interessato -. Cosa mi ha portato a Riccione? L’intervento del mio amico presidente della Brixia Brescia, Folco Donati, che mi ha detto che a Riccione c’era un presidente deciso a fare un buon lavoro per far crescere la sua società. Così io e Poesio ci siamo trovati, abbiamo parlato e visto che sono andato in pensione dalla Nazionale della Romania mi sono detto “perché no?”, se si può aiutare una persona che vuole far sviluppare la ginnastica perché non dargli una mano?! A Riccione ho trovato persone molto appassionate, che hanno fatto un lavoro molto bello a livello di strutture: la palestra è ben attrezzata, il presidente è stato anche molto ricettivo alle mie richieste per operare alcune migliorie. Le ginnaste sono ancora poche per l’alto livello, ma sono molto determinate. Io credo che tra un po’ questa società potrà arrivare a fare un buon lavoro per la ginnastica italiana”.

A che livello è la ginnastica in Italia? “L’Italia ha fatto grandi progressi, in questo momento è la nazione più forte d’Europa, il mio amico Enrico (Casella, CT della Nazionale azzurra di Ginnastica Artistica Femminile, ndr) fa un buon lavoro a livello di squadra e di Federazione, le società italiane sono quasi tutte cresciute, anche il sistema di preparazione è cresciuto. Con un grande numero di ragazze è normale arrivare in una posizione importante a livello europeo e mondiale”.

Qual è il potenziale della Ginnastica Riccione? “Prima di tutto c’è una grande voglia di trovare la strada giusta per fare una ginnastica del livello più alto possibile, perché alla fine le strutture contano tanto, ma senza ginnaste è difficile fare ginnastica. Allora prima di tutto deve crescere il livello di preparazione di questi giovani allenatori, che ho trovato molto bravi, perché hanno sufficienti conoscenze di metodologia e una grande voglia di imparare e di lavorare. Se loro crescono sicuramente anche le ginnaste che vengono qui cresceranno. È una bella città ed il Comune dà un grande supporto al presidente e alla società. Questi sono tutti ingredienti necessari per arrivare a un buon livello”.

“Ringrazio personalmente e a nome della società per il supporto ricevuto, soprattutto nel periodo estivo, Michela Francia – dice il presidente della Ginnastica Riccione, Francesco Poesio -. Il nostro rapporto di collaborazione si è interrotto solo perché noi avevamo l’esigenza di avere un direttore tecnico residente a Riccione, che potesse quindi garantire la sua presenza in palestra tutti i giorni, e Michela è invece molto impegnata e vive in un’altra città. Abbiamo avuto la grande opportunità di ingaggiare un tecnico di caratura mondiale come Nicolae Valerian Forminte, con un curriculum che parla da solo, e non ce la siamo lasciati scappare. Abbiamo fatto uno sforzo non indifferente per averlo con noi. Ma siamo sicuri che sotto la sua guida i nostri tecnici e le nostre ginnaste possano crescere tanto e che alla Ginnastica Riccione si possa fare anche una ginnastica di altissimo livello oltre all’attività amatoriale, che per noi rimane sempre di primaria importanza”.