Indietro
menu
più 12% negli arrivi

Turisti in crescita a Riccione in ottobre. Il bel tempo spinge i camping

In foto: Riccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 9 dic 2022 14:40
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel mese di ottobre a Riccione si è registrata una crescita del 12% sul 2019 negli arrivi e del 15,9% nella presenze. In evidenza anche il dato del segmento ricettivo extra alberghiero (esempio il Family camping village Club del Sole) che nel mese di ottobre fa registrare addirittura un più 102,6% sul 2019 in termini di presenze.

Da gennaio a ottobre (fonte il Servizio Statistica della Regione Emilia Romagna), Riccione, tra i comuni costieri, è la città che più si è riavvicinata ai dati precovid (-6,5%), nel settore alberghiero (-10,9%), aumentando, però, dell’1,1% le presenze di turisti stranieri e del 26% l’extra alberghiero. Nel raffronto con lo scorso anno, i numeri sono in salita: più 18,8% negli arrivi, più 14,2 nelle presenze. Gli incrementi maggiori arrivano dai mercati esteri: più 68,9% alla voce turisti e più 70,9% in quella dei pernottamenti.

Sono numeri che regalano ottimismo – commenta la sindaca, che ha mantenuto la delega al Turismo, Daniela Angelinima li vogliamo interpretare come il segnale di un grande apprezzamento alla nostra città da parte dei turisti, sia italiani che stranieri, ma anche come un punto di ripartenza. Riccione ha bisogno di essere promossa in maniera robusta: va rilanciata sul mercato interno ma anche su quello estero. E’ quello che stiamo facendo e che faremo”.

Per il direttore dell’Associazione albergatori di Riccione Luca Cevoli: “balzano agli occhi in particolare tre dati: confronto sul 2021, confronto sul 2019 e presenze extra alberghiere. Rispetto all’anno scorso abbiamo una crescita da doppia cifra: più 14,2% in termini di presenze. Se allarghiamo il confronto al 2019 il settore alberghiero accusa ancora un calo del 10,9% nei pernottamenti ma complessivamente la flessione è la minore della provincia, solo -6,5%. Ottima la performance del settore extra alberghiero che cresce del 26% nelle presenze sul 2019, ponendosi come servizio di qualità molto apprezzato”.