Indietro
menu
le modalità

Caro energia. A Riccione 150mila euro di contributi per le imprese

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 20 dic 2022 18:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un contributo fino a 700 euro per fare fronte al caro energia per le imprese. Lo mette in campo, attraverso un bando e un fondo complessivo da 150.000 euro, il Comune di Riccione. Si tratta di contributi economici a fondo perduto a sostegno delle imprese per le spese relative a consumi delle “utenze non domestiche”, gas ed energia elettrica. Una scelta, spiega la giunta, dettata da una serie di ragioni.

“Al momento non è possibile prevedere la durata delle tensioni sui prezzi energetici, ma si prevede che, superati i recenti picchi, i livelli ordinari di mercato potranno essere nuovamente raggiunti soltanto nel medio periodo”. Così c’è il rischio di “compromettere la ripresa a livello commerciale, assorbendo la forte liquidità e i margini che hanno caratterizzato le imprese nell’anno 2021”. Ecco perchè l’amministrazione comunale intende sostenere le imprese, attraverso l’erogazione di un contributo a fondo perduto, spiega la sindaca Daniela Angelini, “a parziale ristoro delle spese relative alle utenze non domestiche quale azione di supporto finalizzata alla ripresa delle attività del Comune e di mitigazione degli effetti della crisi energetica”.

La graduatoria delle domande ammesse al bando sarà determinata in funzione dell’importo di scostamento, in ordine decrescente, raffrontando l’importo complessivo delle bollette del periodo del primo semestre del 2022 rispetto al periodo pre-pandemico del primo semestre del 2019. In caso di parità, la posizione in graduatoria è determinata dalla data più recente di iscrizione al registro imprese. Per accedere occorre inoltre avere una sede operativa nel territorio di Riccione e un volume d’affari ai fini Iva inferiore a 500.000 euro. Il contributo sarà erogato in misura pari al 20% dello scostamento, fino a un massimo di 700 euro per ogni tipologia di utenza.