Indietro
menu
Conclusione lavori nel 2026

Vasca di prima pioggia a Cattolica. Si parte con i lavori da 10milioni

In foto: il render dei giardini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 4 nov 2022 11:24 ~ ultimo agg. 15:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Partiranno lunedì i lavori di Hera per la realizzazione di una vasca di prima pioggia che servirà a migliorare l’affidabilità idraulica del territorio e la tutela ambientale, integrandosi nel progetto di riqualificazione del Lungomare di Cattolica. Si tratta di un progetto da oltre 10 milioni di euro che ha l’obiettivo primario di intervenire sul sistema fognario per ridurre le criticità legate alla balneabilità della costa e per la salvaguardia idraulica della città in caso di eventi meteorologici intensi. L’intervento è candidato per l’ottenimento dei fondi europei del PNRR e si inserisce nel “Piano di indirizzo per la gestione delle acque di prima pioggia” della provincia di Rimini, che prevede, per il territorio di Cattolica, la riduzione del 70% del carico sversato dagli scarichi a mare in termini di COD (Chemical Oxygen Demand – uno dei principali parametri utilizzati comunemente per misurare la quantità di sostanze organiche presenti nell’acqua), superandone gli obiettivi sino ad arrivare ad abbatterne il 77,3%. La fine dei lavori è stimata per febbraio 2026 con sospensione degli interventi più impattanti nel periodo estivo (da inizio giugno a fine settembre) di ciascun anno, per non creare disagi durante la stagione turistica.

L’opera principale dell’intero progetto consiste nella realizzazione di una vasca interrata del volume di 5.000 metri cubi, in grado di raccogliere l’acqua di prima pioggia e una serie di interventi nelle aree circostanti atti all’ottimizzazione della rete fognaria esistente. A completamento è prevista la riqualificazione architettonica di tutta l’area dei Giardini De Amicis, mediante l’ampliamento delle aree verdi e la realizzazione di pavimentazioni che si andranno ad integrare con i lavori in corso relativi al nuovo Lungomare. Per l’area di cantiere è prevista una recinzione fonoassorbente che verrà resa il più possibile gradevole alla vista e integrata nel paesaggio grazie alle sovraimpressioni di immagini e foto del territorio. Anche le tecnologie scelte per l’esecuzione delle opere principali, come l’idrofresa per la realizzazione dei diaframmi che costituiranno la vasca, saranno moderne e di ultima generazione, e dal punto di vista delle vibrazioni il meno impattanti possibile su tutte le attività presenti nelle aree limitrofe. La realizzazione della vasca di prima pioggia si inserisce in un contesto di riqualificazione degli scarichi a mare attuato nell’intera provincia: per quanto riguarda nello specifico il territorio di Cattolica è solo uno dei molteplici interventi pianificati nell’ambito del sistema fognario-depurativo dell’agglomerato.