Indietro
menu
i comuni neo riminesi

La Regione in aiuto dei piccoli comuni. Contributo anche Montecopiolo e Sassofeltrio

In foto: Sassofeltrio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 23 nov 2022 16:22 ~ ultimo agg. 16:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato approvato dall’Assemblea Legislativa Regionale un provvedimento che prevede un Fondo finanziato per il triennio 2022-2024 con 650mila euro e un’attività di assistenza e supporto amministrativo ai piccoli comuni. Il provvedimento prevede un Fondo finanziato per il triennio 2022-2024 con 650mila euro.

I destinatari del Fondo sono i Comuni in situazione di pre-dissesto e che devono adottare misure correttive, ma anche le amministrazioni locali che si trovino in situazioni di squilibrio finanziario sulla base di indicatori definiti da una delibera regionale. Gli Enti locali interessati potranno fare richiesta di partecipazione al Fondo tramite una manifestazione di interesse conseguente all’emanazione di un apposito bando regionale. La concessione dei contributi sarà vincolata alla sottoscrizione di un accordo di programma con la Regione.
L’accordo fisserà le azioni e il cronoprogramma per il ripristino della situazione di equilibrio economico–finanziario, anche grazie a un supporto della Regione sul piano formativo e organizzativo.

Il provvedimento consente di stanziare un contributo una tantum a favore dei comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio, neo entrati in provincia di Rimini. “L’obiettivo del provvedimento è accompagnare con risorse straordinarie il passaggio di questi due Comuni dalle Marche alla nostra Regione, in modo tale da ridurre eventuali situazioni di squilibrio che questa transizione può aver inevitabilmente determinato” commenta la consigliera regionale Nadia Rossi, a suo tempo relatrice della legge di distacco e aggregazione dei due comuni al territorio emiliano-romagnolo.

“I Comuni non sono aziende e quindi non possono fallire, ma i loro compiti sono essenziali per i cittadini e per guidare attraverso i principi di reciprocità e redistribuzione le risposte a molte forme di bisogno delle persone. Ed è proprio qui – sostiene Nadia Rossi – che si inserisce la norma che va a sostenere Montecopiolo e Sassofeltrio nel loro passaggio dalle Marche. In Emilia-Romagna vogliamo infatti continuare a sostenere con strumenti adeguati le comunità locali, soprattutto in un momento in cui le sfide per i Comuni sono tante, a partire dal PNRR”.

 

]