Indietro
lunedì 6 febbraio 2023
menu
Calcio Femminile Serie B

È poker biancoazzurro in casa della Sassari Torres

In foto: @SMAcademy
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
dom 20 nov 2022 19:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Serie B femminile 2022-23, 8° giornata | Sassari Torres – San Marino Academy 0-4

SASSARI TORRES [3-5-2]
Deiana (dal 46’ Siejka); Costantini, V. Congia, Veritti; Weithofer, Tola (dal 70’ Poli), Lauria (dall’83’ A.
Congia), Blasoni (dal 46’ Fadini); Peare; Peddio (dal 46’ Devoto), Marenic A disposizione: Quidacciolu, Carrozzo, Sotgia Allenatore: Mauro Ardizzone

SAN MARINO ACADEMY [4-3-3]
Olivieri; Montalti, Gallina, Zito, Ladu (dal 78’ Micciarelli); Bertolotti (dal 78’ Pirini), Accornero, Brambilla; Menin (dal 59’ Tamburini), Barbieri (dal 67’ Prinzivalli), Marengoni A disposizione: Montanari, Petralia, Larenza Allenatore: Giulia Domenichetti

Arbitro: Marco Costa di Busto Arsizio
Assistenti: Francesco Pirola di Abbiategrasso, Luca Mocci di Oristano
Marcatori: 22’ Marengoni, 34’ Ladu, 42’ Barbieri, 90+3’ Zito

La missione di dare seguito alla vittoria pre-sosta con l’Apulia Trani viene eseguita con zelo. Le Titane vincono anche in casa della Sassari Torres, in questo caso regalandosi un 4-0 costruito quasi per intero nel primo tempo e poi perfezionato a tempo quasi scaduto. Giulia Domenichetti inizia con un 4-3-3 in cui trovano spazio due ex come Maria Grazia Ladu e Alessia Accornero. Del resto, anche la stessa coach oggi respira un’aria familiare. Davanti, il tridente è composto da Menin e Marengoni ai lati della rientrante Barbieri.

Al 2’ c’è subito un brivido per le ragazze di Domenichetti: Marenic inventa una geniale traccia verticale per Peddio, che sfugge a marcature e fuorigioco e davanti a Oliveri sceglie la via dello “scavino”, scheggiando la traversa.

Ci vuole qualche minuto per assorbire lo spavento. Ma piano piano le Titane iniziano a prendere in
mano le redini della gara e all’8’ costruiscono la prima palla-gol: punizione di Brambilla, sponda di Gallina, tocco di Bertolotti per Barbieri, che si muove sul secondo palo e si fionda sulla sfera, trovando però un’uscita coraggiosa della baby Deiana (classe 2005), abile ad anticipare l’attaccante avversaria e a farsi fare fallo.

La Sassari Torres si rivede in avanti con una punizione conquistata da Marenic (errato disimpegno delle Titane) e scodellata al centro per le torri: un paio di sarde provano a colpire, ma nessuna impensierisce Olivieri.

Comunque la San Marino Academy non cessa di svolgere il suo tema offensivo. Anzi, intensifica il ritmo ed il pressing. Tutto ciò conduce all’occasionissima del 19’: Deiana si attarda col pallone nei piedi e Barbieri ne approfitta da autentica rapace; il disturbo della 45 fa sì che la palla arrivi a Marengoni, liberissima di appoggiare a porta vuota, ma il mancino della 43 è – incredibilmente – a lato. Le Titane provano subito a dimenticare.

Menin scambia al limite con Barbieri e apre il piattone, cercando un palo lungo che viene mancato di poco. Poi Marengoni si riscatta: manovra avvolgente della San Marino Academy, con Menin che ricicla un cross di Brambilla e offre palla a Bertolotti, che dal lato corto dell’area la rimette al centro. Barbieri buca ma non Marengoni, che stavolta può festeggiare: per la 43 è la seconda rete di fila dopo quella da tre punti contro l’Apulia Trani.

Il vantaggio sblocca completamente le Biancoazzurre, che insistono alla ricerca del raddoppio, trovandolo poco dopo la mezz’ora: lo firma la ragazza di casa, Maria Grazia Ladu (tra le migliori in campo) con un recupero palla avanzato cui fa seguito un destro dal limite che si insacca non lontano dal ‘7’.

Ma anche Raffaella Barbieri vuole entrare nel tabellino. Ci prova una prima volta al 39’: brava la 45
biancoazzurra a girarsi in area, altrettanto brava Deiana a fermarla nel tu per tu. Pochi minuti dopo arrivano sia il tris biancoazzurro sia la quarta marcatura in campionato della bomber torinese, che raccoglie il cross di Menin pizzicato da Bertolotti e dal limite dell’area piccola non dà scampo al portierino di casa.

Quest’ultimo è parte del triplo cambio che il tecnico di casa, Mauro Ardizzone, effettua dopo l’intervallo.

La Sassari Torres passa a quattro in difesa e con il rombo a centrocampo: Lauria ora agisce alle spalle di Marenic e di Devoto, una delle nuove entrate.

Il senso è avere maggiori opzioni per mettere in difficoltà la retroguardia titana, sorpresa soltanto dalla palla-gol del pronti via ma poi capace di registrarsi e di ridurre i rischi al minimo sindacale.

Nel secondo tempo il pallino passa alla formazione di casa, ma lo spartito della gara non subisce scossoni. Anzi è l’Academy a rendersi pericolosa per prima con l’incursione in area di Menin, che poi lascia a Barbieri: la 45 sbatte sulla difesa, ma la palla rotola giusta giusta sui piedi di Bertolotti, che conclude l’azione con un destro a lato di poco. Le Titane continuano ad amministrare; la Sassari Torres cerca soluzioni, senza trovarne.

L’unico scossone lo dà il meteo: un violento temporale si abbatte sull’impianto di Sennori a cavallo del 55’, appiattendo ulteriormente i ritmi di un secondo tempo non esattamente pirotecnico. Dopo l’acquazzone, Domenichetti richiama Menin e Barbieri per Tamburini e Prinzivalli.

La Sassari Torres batte un colpo con un mancino dal limite di Marenic: Olivieri – stante il terreno scivoloso – preferisce deviare in angolo. Si arriva lentamente alla mezz’ora, Poli che cerca la porta in diagonale, mancandola di vari metri.

Sull’altro fronte, Tamburini guadagna il fondo di forza, resiste ad una carica e cerca le compagne al centro, trovando la respinta della difesa. Intanto viene il momento di Pirini (aggregata dalla Primavera) per Bertolotti e di Micciarelli per Ladu, applaudita dal pubblico di casa.

La Sassari Torres trova ancor meno forze per offendere, e così un’altra ampia porzione di gara scivola via senza lavoro per i due portieri.

Nel recupero, la San Marino Academy arrotonda sugli sviluppi di un calcio di punizione: Micciarelli impedisce alla difesa sarda di liberare e così la palla schizza nella zona di Zito, che elude l’uscita di Siejka e poi appoggia a porta vuota. Anche per la siciliana, come per Ladu, si tratta del primo gol stagionale.

Nei restanti minuti di recupero c’è spazio anche per il mancino a giro di Prinzivalli, bloccato dall’estremo di casa. È l’ultima diapositiva di una gara che regala alla San Marino Academy la seconda vittoria consecutiva, la prima in trasferta nel corso di questo campionato.

Ufficio Stampa San Marino Academy