Indietro
menu
il tema del femminile

Prosa, musica, famiglie. Per la nuova stagione dell'Astra 14 eventi

In foto: la presentazione del programma
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
gio 13 ott 2022 13:08 ~ ultimo agg. 13:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Riparte la stagione teatrale di Bellaria Igea Marina. Al cinema teatro Astra musica, danza e spettacoli per le famiglie. Al via il 17 novembre con Valeria Solarino in Gerico Innocenza Rosa. E poi Lucia Mascino, Chiara Francini, Fullin e Faraon, Elio Germano. In programma anche un tributo a Paolo Villaggio con Anna Mazzamauro. La programmazione è affidata da quest’anno alla start up bellariese Approdi.

Dieci gli appuntamenti tra prosa e musica che scandiscono il palinsesto principale, mentre a partire da dicembre quattro date a cadenza mensile formeranno il cartellone interamente dedicato al teatro per famiglie per un totale di quattordici eventi.


La sintesi del programma (a cura del teatro Astra):

LA PROSA

Ad aprire la nuova stagione teatrale, giovedì 17 novembre sarà Valeria Solarino nota per i suoi ruoli cinematografici (Manuale d’amore 3, Smetto quando voglio) e televisivi (Una grande famiglia, Rocco Schiavone). Solarino avrà modo di mostrare al pubblico bellariese la solidità della propria formazione teatrale con un monologo intenso e magnetico Gerico Innocenza Rosa.  Sola sul palco affronta con classe, ironia e grande capacità interpretativa un testo scritto dalla regista e drammaturga Luana Rondinelli. Accettazione della diversità, scoperta di sé e coraggio nell’accoglienza del proprio io: Gerico Innocenza Rosa è uno spettacolo che parla di identità, ma che vuole affrontare ogni tipo di discriminazione.  Uno spunto di riflessione proprio in avvicinamento al 25 novembre, Giornata Internazionale dell’Eliminazione della Violenza contro le Donne.

Sabato 3 dicembre arriva Smarrimento con la magnifica e poliedrica Lucia Mascino. Una grande prova di recitazione della straordinaria attrice che si muove con successo tra teatro, cinema e televisione, e cucita su di lei dalla pluripremiata drammaturga e scrittrice Lucia Calamaro vincitrice di tre premi UBU e del premio Hystrio alla drammaturgia. Dall’incontro di queste due talentuose artiste nasce Smarrimento, un dichiarato elogio degli inizi e del cominciare, che narra di una scrittrice in crisi che ha personaggi iniziali di vari romanzi che non scriverà mai perché non riesce ad andare avanti.

Martedì 8 gennaio sul palco del Teatro Astra arriva l’esplosiva Chiara Francini con il monologo Una ragazza come io con la regia di Nicola Borghesi.  Una frizzante pièce, uno show che unisce comicità e intrattenimento tra citazioni, remake, gag e sapiente umorismo, in un gioco di contrasti eleganti. Un piccolo gran varietà, con musica ed effetti speciali.

Sabato 21 gennaio tocca a Le sorelle Robespierre con Alessandro Fullin che ne firma anche la regia e Simone Faraon.  Un esilarante viaggio nel tempo, en travesti, dove la Storia viene rivista e corretta, e il cosiddetto “periodo del Terrore” fa da sfondo ad un dialogo serrato, ironico e irriverente tra due nobildonne, madre e figlia, condannate alla ghigliottina.Venerdì 17 febbraio l’imperdibile Com’è ancora umano lei, caro Fantozzi con l’amatissima Anna Mazzamauro. A cinquant’anni dalla pubblicazione del primo libro di Fantozzi e a sei dalla scomparsa dell’attore, scrittore, comico e sceneggiatore che ha segnato un’epoca, la signorina Silvani torna in scena. Un doveroso tributo a Paolo Villaggio tra parole e musica.

Sabato 18 marzo Così è (o mi pare) con il superbo Elio Germano in uno spettacolo molto particolare a cavallo tra cinema e teatro in grado di porre lo spettatore al centro della scena. Tramite cuffie e visori il pubblico si trova a essere non più a teatro, ma all’interno del lussuoso appartamento dove si svolge la storia, più precisamente all’interno del corpo di uno dei personaggi, che vede e ascolta tutto: il Commendator Laudisi.

MUSICA E DANZA

Sarà la danza a deliziare il pubblico giovedì 15 dicembre, sul palco gli allievi scelti della scuola di danza Tilt di Rimini con un classico sempre attuale, Lo schiaccianoci, per la regia di Sonia Ferlini e le musiche di Cajkovskij.

Mentre giovedì 22 dicembre per Ritratto d’autore una serata sui generis con uno spettacolo concerto. Un singolare viaggio tra le più celebri composizioni del grande Giacomo Puccini e nella sua storia attraverso la simbiosi di tre linguaggi artistici: canto lirico, Jazz e teatro. Sul palco Monica Boschetti (soprano) e Giorgia Borgacci (pianoforte) accompagnate da un quartetto jazz.

Sabato 11 marzo, sempre per la regia di Sonia FerliniI musicanti di Brema e altre storie, uno spettacolo di danza per tutta la famiglia. Tre le coreografie, I musicanti di Brema, il Piccolo Principe e Cappuccetto Rosso e il Lupo.

La stagione chiude sabato 15 aprile con La Bohème. Opera in quattro atti in forma scenica. Nell’opera si dipanano le storie d’amore fra Marcello e Musetta e fra Rodolfo e Mimi concludendosi con la morte di quest’ultima. Spettacolo in collaborazione con N.O.T.A.MUSIC

TEATRO PER FAMIGLIE

In ogni cartellone teatrale che si rispetti non può mancare una attenzione particolare alle nuove generazioni e la direzione artistica di Approdi ha pensato a quattro appuntamenti per la domenica pomeriggio di grande prestigio e qualità, con diversi generi del Teatro ragazzi: dal Teatro di Figura con musica dal vivo alle bolle di sapone, alle oniriche storie illustrate di Gek Tessaro e al Teatro d’attore con videoproiezioni.

Si parte domenica 18 dicembre con Pulcetta dal naso rosso di Kosmocomico Teatro. Danze, musiche, canzoni, testi comici e poetici si rincorrono sulla scena. La ricerca del naso rosso è la ricerca della propria casa e del proprio posto nel mondo: il viaggio che ognuno di noi fa per crescere.

Domenica 15 gennaio lo straordinario Gek Tessaro e il suo Libero Zoo dove il mondo delle bestie celebra la vita e la meraviglia delle differenze, si muove, canta e incanta. Gek Tessaro, pluripremiato illustratore per l’infanzia, porta in scena storie poetiche e suggestive con una tecnica di sua invenzione: il Teatro disegnato.

Il 19 febbraio la compagnia Luna e Gnac presenta Pam! Parole a matita. I disegni dal vivo proiettati su un grande schermo affascinano e incuriosiscono i più piccoli, accompagnandoli dentro le storie, per imparare a leggere e scrivere attraverso un teatro fatto di immagini. Un piccolo omaggio a Munari, a Rodari e ai grandi maestri che hanno reso la nostra infanzia un piccolo mondo poetico.

L’ultimo appuntamento con il Teatro ragazzi e famiglie è domenica 19 marzo con Rime insaponate con Alekos il poeta delle bolle. Uno spettacolo sincero, ideato per sognare, creato intorno all’oggetto più impalpabile, evocativo, delicato, surreale e divertente di sempre: la bolla di sapone. Uno spettacolo per sognare e gioire. Uno spettacolo per bambini o per tornar bambini.

Ma le sorprese non finiscono qui. Infatti, al Teatro Astra sarà possibile partecipare a corsi di teatro per bambini e ragazzi in partenza dal 21 ottobre per due fasce d’età 7-10 anni e 11-14 anni a cura di Alex Gabellini. Saranno 10 incontri a cadenza settimanale per crescere, scoprire ed esplorare dentro e fuori il proprio corpo.

La campagna abbonamenti prende il via il 15 ottobre. Dal 31 ottobre apertura della prevendita per i singoli spettacoli.

Gli spettacoli di Teatro musica e danza iniziano alle ore 21 mentre quelli per i ragazzi alle ore 17.

Info e vendita abbonamenti e biglietti:

www.teatroastrabim.it – info@teatroastrabim.it + 39 351 53 65 686 www.liveticket.it

Salutiamo positivamente l’arrivo di Approdi al timone della nostra stagione di prosa – ha affermato l’assessore alla Cultura del Comune di Bellaria Igea-Marina Michele Neri questa mattina durante la conferenza stampa di presentazione del programma – ringraziando tutte quelle professionalità che hanno contribuito in questi anni, dapprima a rilanciare e poi a consolidare il Teatro Astra come punto di riferimento culturale non solo per Bellaria Igea Marina. “Quest’anno più che mai – continua l’assessore – il nostro teatro si fa contenitore di eventi a 360 gradi, in cui grandi volti della scena cinematografica e teatrale si alterneranno agli spettacoli per bambini e famiglie, ma anche ad appuntamenti dedicati alla musica e alla danza.

Sarà una stagione all’insegna di spettacoli esclusivi e dell’originalità dei temi e delle forme” ha aggiunto il direttore artistico Sergio Canneto, sottolineando come al “centro delle scelte” vi sia stato in particolare il tema del “femminile, come motore di innovazione e visione nuova sulle questioni dell’oggi. Attraverso 14 spettacoli di forme e linguaggi differenti – ha inoltre spiegato Sergio Canneto – vogliamo portare il pubblico ad attraversare il mondo delle arti, per interrogarci anche sul loro mescolarsi l’una con l’altra ed innestarsi in un immaginario contemporaneo sempre più legato al visivo”.