Indietro
menu
Cerimonia al Quirinale

Maurizio Focchi "cavaliere del lavoro". Consegnata l'onorificenza

In foto: Maurizio Focchi e il Prefetto Forlenza al Quirinale
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 10 ott 2022 17:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Maurizio Focchi, Amministratore delegato della società Focchi S.p.a, ha ricevuto oggi a Roma l’onorificenza dell’Ordine “Al Merito del Lavoro”. La cerimonia, alla quale ha presenziato anche il Prefetto di Rimini Giuseppe Forlenza, si è tenuta al Palazzo del Quirinale. 22 le onorificenze assegnate ad imprenditori, donne e uomini, che abbiano contribuito in modo significativo alla promozione dell’economia nazionale e, con elevato impegno ad una responsabilità etica e sociale, al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro del Paese.

Sono molto onorato per questo riconoscimento – ha detto Focchi tramite una nota pubblicata sulla pagina dell’azienda –. Voglio dedicarlo a tutte le persone del Gruppo Focchi perché è soprattutto merito del loro lavoro, del loro entusiasmo e della loro passione, se oggi leggo il mio nome tra i 25 grandi professionisti che stanno migliorando le condizioni di vita e di lavoro del Paese. Congratulazioni anche a tutti gli altri imprenditori. Nella nostra azienda lavorano 380 persone, tra Rimini, Londra e New York, e tra loro 120 sono giovani sotto i 30 anni. In momenti come questi, tra crisi, guerra e incertezze, per fare futuro bisogna concentrare le forze del nostro lavoro verso i giovani.

La Focchi S.p.a tra l’altro, ha avuto il merito di introdurre la tecnologia del silicone strutturale nelle costruzioni in vetro e si è affermata come leader nel settore degli involucri per edifici. Maurizio Focchi è anche molto attivo nel sociale e ha dato vita all’associazione Cittadinanza Onlus, attiva da diversi decenni, che sviluppa e sostiene progetti di riabilitazione psichiatrica e di intervento psico-sociale in paesi a basso reddito come India, Serbia, Albania, Kenya e Panama.