Indietro
menu
Libri per conoscere il mondo

La rotta di Nadir: una storia sulla forza della fantasia

di Cristina Gambini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 3 ago 2022 17:38 ~ ultimo agg. 5 ago 09:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Quanti di noi conoscono la condizione in cui vivono i bambini nei campi profughi? Sono milioni nel mondo e poco o nulla sappiamo di loro, del loro mondo quotidiano e tanto meno dell’impatto che le situazioni di privazione cui sono costretti generano in loro. Ma i bambini, lo ripetono tutti, hanno risorse infinite.

La rotta di Nadir“, pubblicato da Sabir edizioni, scritto da Silvia Francesca Forti e illustrato da Alessandra di Consoli, affronta la questione dei bambini rifugiati usando il filtro della fantasia. Questi piccoli eroi della quotidiana sopravvivenza sono “sospesi”, come li definisce l’autrice, non sanno dove collocarsi e non hanno un luogo che possano chiamare casa. Questa storia è dedicata ai “nostri” bambini perchè si possano avvicinare alla realtà di vita di loro coetanei così lontani.

Protagonista è una barchetta che ama l’avventura, che gira per il mondo e solca 36 pagine cariche di colori vivaci, attraversando canali sotto cieli di stelle, valicando colline che sembrano morbidi budini e accompagnata dai tanti amici che incontra lungo la sua rotta, tra cui una scimmia e un pirata che arricchiscono il suo viaggio facendola sentire meno sola. Solo alla fine della lettura si scopre che l’imbarcazione protagonista altro non è che una semplice barchetta di carta realizzata da un bambino di un campo profughi: Nadir, che in arabo significa ‘straordinario’, ‘prezioso’, e che dopo averci giocato si rinfilerà la sua amica di carta in tasca, ripiegandone la vela.

‘La rotta di Nadir’ è un libro toccante nella sua semplicità e si fa veicolo di un messaggio autentico quanto potente: la straordinaria capacità dei bambini di affrontare le difficoltà con la fantasia e l’immaginazione, preziosi alleati per vincere le situazioni più difficili, per immaginare mondi nuovi, mondi amici, senza confini. Impresa molto difficile in un campo di rifugiati. Il libro è pensato per bambini dai 6 anni in su e dedicato “a tutti quelli che guardano al di là dell’orizzonte”.

 

Silvia Francesca Forti
Educatrice, laureata in Scienze dell’Educazione, con un diploma di conservatorio in Pianoforte e mamma di tre figlie. Ha lavorato nel campo dell’intercultura, della mondialità e della cittadinanza attiva anche con esperienze di volontariato sia all’estero che sul territorio nazionale. Dirige un’attività di servizi educativi dedicati ai bambini della fascia 0/6.

Alessandra Di Consoli
Nata in Cile nel 1982. Lavora come fotografa ma non perde occasione di sperimentare altri mezzi espressivi, esponendo i suoi lavori in Italia e all’estero. Ha pubblicato Manuale d’Incanto (Sabir, 2020).

 

Altre notizie
di Redazione
di Cristina Gambini