Indietro
menu
il bilancio

Calici Santarcangelo torna ai livelli pre pandemia. In 400 all'alcol test

In foto: l'edizione 2022
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 9 ago 2022 08:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Calici Santarcangelo torna ai livelli pre pandemia. A conclusione dell’edizione che si è svolta lo scorso fine settimana, con un meteo tipicamente estivo, gli organizzatori di Pro Loco e Città Viva parlano di settemila calici e 50mila presenze.

Hanno caratterizzato la due giorni le oltre 40 case vinicole dislocate fra la parte bassa del centro e la città vecchia, le zone dedicate al cibo, i concerti e la musica che hanno animato le piazze, assieme alle visite alle grotte alla scoperta della Santarcangelo sotterranea.

Non si sono verificate problematiche particolari: al Comando della Polizia locale non sono stati rilevati problemi di ordine pubblico e nemmeno di traffico, che è sempre defluito regolarmente, mentre è stata effettuata una sola rimozione, davanti a un passo carraio in via Cagnacci. Molte, invece, le richieste di informazioni rivolte agli agenti della Polizia locale sulle conseguenze amministrative e penali a carico di chi viene sorpreso alla guida sotto l’influenza di alcol. Oltre 400 i test alcolemici effettuati allo stand della Polizia locale e di Circolando.

“Calici Santarcangelo si conferma un grande evento sia dal punto di vista culturale che enogastronomico, che vede la partecipazione di una comunità intera grazie all’organizzazione e al coinvolgimento delle associazioni Pro Loco e Città Viva insieme a tanti volontari”, dichiara la sindaca Alice Parma. “Calici è anche un’occasione straordinaria per dare visibilità agli operatori del territorio e in particolare delle cantine del nostro entroterra tornate con grande entusiasmo a Santarcangelo dove possono contare sul pubblico delle grandi occasioni. Eventi di questa portata inoltre – conclude la sindaca – si confermano quale motore economico importante per la città con locali, negozi e strutture ricettive che possono beneficiare di presenze rilevanti in termini di pubblico”.