Indietro
mercoledì 10 agosto 2022
menu
Baseball Serie A

San Marino sbanca il "Falchi": 6-2 al 10^

In foto: San Marino Baseball
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
sab 25 giu 2022 03:00 ~ ultimo agg. 11:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È una vittoria di grande prestigio e valore assoluto quella ottenuta dal San Marino Baseball nella tana dell’Unipolsai Fortitudo Bologna. Gara1 finisce 6-2 al 10°, al terzo extrainning. Sul match ha un peso specifico enorme il grande slam di Angulo al 10°, ma va sottolineata la prova eccellente di tutti i pitcher proposti in serata: Rienzo, Peluso, Quevedo e infine Baez. Bologna, imbattuta fino a ieri sera, cade per la prima volta in campionato ma mantiene ben salda la vetta del girone B1 di Poule Scudetto. San Marino sale a 10 vinte e 3 perse, col Parmaclima ora a 5-3 dopo il ko a Grosseto.

LA CRONACA. Sul monte la sfida iniziale è tra Rienzo e Rivero, con l’attacco sammarinese subito pronto a colpire un avversario di alto livello come il partente bolognese. Al primo inning, dopo l’eliminazione di Ferrini, Morresi colpisce un singolo e subito dopo Celli lo segue con un’altra valida. Ottima occasione, ma la rimbalzante di Angulo finisce tra gli interni e la difesa fortitudina completa il doppio gioco che chiude l’inning.
Per Rienzo le prime due riprese sono quasi prive di rischi, con l’unico arrivo in base rappresentato da Josephina (singolo con due out) al 1°. Al 3° San Marino spreca una situazione di uomini agli angoli (errore su Batista e singolo di Ferrini) e un out (Epifano K), con Morresi e Celli che non riescono a portare a casa punti.

Bologna punisce nella parte bassa. Dopo aver eliminato Liberatore, Rienzo colpisce Grimaudo e perde per un attimo la zona dello strike concedendo la base ball a Paolini e Agretti. Con le basi piene, i padroni di casa segnano l’1-0 grazie al singolo al centro di Josephina, ma i Titani salvano poi la situazione con il doppio gioco sulla grounder di Martini.

Quarto e quinto attacco sammarinese non producono pericoli: solo una base ball a Leonora, la prima stagionale concessa da Rivero. Al 5° sale sul monte Peluso, che prima concede due valide ai primi uomini affrontati (Grimaudo e Paolini) e poi trova l’ottima difesa di Ustariz che elimina il corridore in terza sul bunt di Agretti. Josephina (F9) è il secondo out, per Martini ci sono i quattro ball che riempiono le basi e infine Gonzalez Taveras è il terzo eliminato.

Al 6° San Marino pareggia. Celli tocca Rivero con un gran doppio e poi, dopo la seconda eliminazione dell’inning (grounder di Angulo che però consente a Celli di arrivare in terza), è tempo di cambio sul monte per la Fortitudo. Entra Gonzalez Polanco, che prima concede la base ball a Ustariz e poi subisce il singolo interno di Leonora che significa 1-1.

La determinazione dei Campioni d’Italia c’è, è palpabile, e la sfida è palesemente di altissimo livello. Peluso chiude il 6° senza subire punti (due basi ball), il settimo attacco sammarinese si conclude con tre veloci eliminazioni al piatto e nella parte bassa, dopo il rischio homer sulla botta di Martini con due out (palla sui cuscini, doppio), arrivano zero punti col K su Bertossi.

Si va agli extrainning. All’8° San Marino trova un singolo di un Celli scintillante ma nient’altro. Nella parte bassa è la volta di Quevedo. L’abituale starting pitcher dei Titani passa in prima Fuzzi con quattro ball e lo vede poi arrivare in seconda sul bunt di sacrificio di Liberatore. Situazione pericolosa, ma è bravo Ustariz a catturare la linea di Grimaudo al volo e a sparare la palla in seconda con Fuzzi fuori base: doppio gioco, inning chiuso.

Al 9° entrambe le squadre non riescono a mettere uomini in base e allora è tempo di extrainning. San Marino comincia con Pulzetti in seconda per Pieternella, Batista in prima ed Epifano a battere. La ripresa comincia abbastanza male (Epifano out al volo su tentativo di bunt), ma prosegue alla grandissima. Il doppio a destra di Ferrini scrive a tabellone il 2-1, Morresi è eliminato al piatto e Celli è passato intenzionalmente in prima. Le basi sono piene, nel box c’è Angulo, a lanciare sempre Gonzalez Polanco. Parte il primo lancio del rilievo felsineo, il giro di mazza è potente, l’impatto è perfetto. Lungo fuoricampo al centro, grande slam che spacca la partita in due. 6-1 San Marino.

Ustariz è il terzo out e si passa a difendere. Col vantaggio, è la volta di Fernando Baez. Il closer si trova con Agretti in seconda e Josephina in prima, ma anche con uno splendido doppio gioco della difesa sulla battuta di Deotto, il primo a battere per Bologna. Gonzalez Taveras tocca poi il singolo del 2-6, ma il tempo dell’esultanza è solo rimandato, perché subito dopo Bertossi è l’ultimo out della partita. Al volo da Angulo, che qualche minuto prima aveva indirizzato la gara verso il monte Titano.
Finisce 6-2, gran vittoria per San Marino.

UNIPOLSAI FORTITUDO BOLOGNA-SAN MARINO BASEBALL 2-6 (10°)

SAN MARINO: Ferrini 3b (2/5), Morresi r (1/5), Celli ec (3/4), Angulo 2b (1/5), Ustariz 1b (0/4), Leonora es (1/3), Pieternella (Pulzetti) dh (1/4), Batista ed (0/4), Epifano ss (0/4).

BOLOGNA: Paolini 2b (1/4), Agretti dh (0/3), Josephina 3b (2/5), Martini (Dreni, Deotto ed 0/1) 1b (1/3), Gonzalez Taveras ss (1/3), Bertossi es/ec (0/4), Dobboletta (Fuzzi es) ec (0/3), Liberatore r (0/3), Grimaudo ed/1b (1/2).

SAN MARINO: 000 001 000 5 = 6 bv 9 e 0
BOLOGNA: 001 000 000 1 = 2 bv 6 e 1

LANCIATORI: Rivero (i) rl 5.2, bvc 5, bb 1, so 5, pgl 1; Gonzalez Polanco (L) rl 4.1, bvc 4, bb 1, so 5, pgl 1; Rienzo (i) rl 4, bvc 2, bb 3, so 3, pgl 1; Peluso (r) rl 3, bvc 3, bb 5, so 2, pgl 0; Quevedo (W) rl 2, bvc 0, bb 1, so 0, pgl 0; Baez (f) rl 1, bvc 1, bb 0, so 0, pgl 0.

NOTE: fuoricampo di Angulo (4p. al 10°); doppi di Ferrini, Celli e Martini.