Indietro
menu
Nuovo anno scolastico

Prima campanella il 15 settembre, fine lezioni il 7 giugno

In foto: la scuola
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 7 giu 2022 16:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le vacanze per gli studenti sono appena iniziate e già in Emilia-Romagna ci sono le date del nuovo anno scolastico. La prima campanella suonerà giovedì 15 settembre, con chiusura delle lezioni in tutte le scuole di ogni ordine e grado per mercoledì 7 giugno 2023. Lo ha stabilito la Regione. Il calendario riguarderà sia le classi del primo ciclo di istruzione (elementari e medie), sia il secondo ciclo del sistema di istruzione (superiori) e formazione (IeFP). La sospensione delle lezioni è prevista nella giornata del 2 novembre per la commemorazione dei defunti, per le vacanze natalizie dal 24 dicembre al 6 gennaio 2023, e per quelle pasquali dal 6 all’11 aprile 2023.

La normativa nazionale dispone che l’anno scolastico debba contare non meno di 200 giorni di attività didattica nonché un congruo numero di giorni per lo svolgimento di ulteriori interventi didattici e educativi. La Regione ha quindi fissato in cinque giorni aggiuntivi il periodo per gli interventi didattici ed educativi, che potranno essere articolati dalle istituzioni scolastiche anche in termini di ore, quantificate in misura forfettaria in numero di 30. Le singole istituzioni scolastiche hanno la facoltà di procedere ad adattamenti del calendario in relazione alle esigenze specifiche derivanti dal Piano dell’offerta formativa, nel rispetto delle date di inizio e termine delle lezioni. Resta infine confermata la facoltà per le scuole dell’infanzia (3-6 anni) di anticipare la data di avvio e di posticipare quella di fine attività didattiche, con le modalità e nei limiti previsti dalla delibera regionale: la scelta deve rispondere alle finalità del piano dell’offerta formativa e alle decisioni degli Organi collegiali della scuola interessata, e deve essere assunta d’intesa con il Comune d’appartenenza.