Indietro
domenica 5 febbraio 2023
menu
Campionato Sammarinese

Nicola Gai sarà il capitano del Tre Penne anche la prossima stagione

In foto: Nicola Gai (Foto ©FSGC/Pruccoli)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 19 giu 2022 18:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il legame tra il Tre Penne e il proprio capitano Nicola Gai prosegue anche per la stagione 2022-2023. Per il metronomo di Città si aprirà l’ottava stagione alla corte di Ceci, con la quale nel corso della sua carriera ha vinto tutti i titoli disponibili sul Titano.

Durante la finale di campionato sammarinese contro La Fiorita, il numero 8 biancazzurro è stato costretto ad uscire dal campo a causa di un duro contrasto con Zafferani, che gli ha provocato una distorsione innaturale del ginocchio e ha fatto temere il peggio. Gai però rassicura tutti: “Il ginocchio sta bene. Dopo la finale avevo paura, ho fatto i controlli e le visite del caso, che hanno evidenziato una forte distorsione. I medici mi hanno consigliato di restare fermo per un mese e mezzo circa, inizierò la preparazione con del lavoro differenziato per farmi trovare pronto alla ripresa degli allenamenti in vista dell’inizio del campionato. Purtroppo, dovrò saltare i preliminari di Conference League.”

Gai sarà il capitano del Tre Penne anche per la prossima annata, il centrocampista, arrivato nel 2015, è un vero e proprio punto di riferimento per la formazione di Città. “Essere capitano è un motivo d’orgoglio, soprattutto quando si parla di una Società come il Tre Penne fatta di grandi giocatori e uomini quindi essere un riferimento per tutti sicuramente mi inorgoglisce – afferma Gai -. Sono un giocatore a cui piace prendersi le proprie responsabilità, non solo il giorno della partita ma anche negli allenamenti e credo di aver sempre aiutato i miei compagni anche ad approcciare le gare nel modo giusto, nonostante possa sembrare un ‘leader silenzioso’ come alcuni mi hanno fatto notare.”

Come menzionato precedentemente il giocatore italiano salterà la doppia sfida in Conference League contro i bosniaci del Tuzla City, ma vuole comunque raccontare le emozioni che si celano dietro a queste partite e lasciare un messaggio ai suoi compagni: “Mi spiace non poter partecipare all’Europa. Ogni anno, quando si inizia la stagione, l’obiettivo di ogni giocatore è arrivare fino in fondo e disputare questo tipo di partite, che sono sempre una gratificazione e una soddisfazione a livello personale. La fortuna che questo campionato ci dà è quella di poter andare a giocarci questo tipo di gare su palcoscenici totalmente diversi rispetto a quelli a cui noi siamo abituati. Sono partite particolari, con sensazioni belle dove ti senti un professionista. Dovremo prepararci bene in questi giorni e sono sicuro che i miei compagni lo faranno al meglio. Cercheremo di fare bene, l’obiettivo è quello di portare la nostra idea di calcio anche in Europa nonostante sappiamo che sarà difficile, però ci proveremo – conclude -. Faccio ai miei compagni un grosso ‘in bocca al lupo’, sperando di vivere al massimo questi 180′ perché è un’esperienza unica che non tutti i giocatori riescono a fare nella loro carriera e di scendere in campo con determinazione e senza paura.”

Ufficio stampa SP Tre Penne
Matteo Pascucci

Altre notizie
Campionato Sammarinese

Folgore-Pennarossa 2-1

di Icaro Sport
di Icaro Sport