Indietro
menu
premiato a Rimini

Intervista a Giuseppe Tornatore: il cinema continuerà a salvarci la vita, nonostante l'orrore

In foto: Giuseppe Tornatore intervistato da Icarotv
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 2 mag 2022 17:22 ~ ultimo agg. 3 mag 12:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è svolta sabato sera al teatro Galli di Rimini la cerimonia di premiazione de “La Settima Arte Cinema e Industria 2022”, culmine della cinque giorni di appuntamenti della quarta edizione della manifestazione, che quest’anno ha consegnato il premio ad honorem al regista premio Oscar Giuseppe Tornatore che ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di IcaroTV.

È bastato il colpo d’occhio del teatro Galli pieno per tornare a sperare e a credere che gli esseri umani, nel buio di questi giorni, sono capaci di far risplendere la luce della bellezza e dell’arte. La serata è iniziata con le note sublimi del violino Federico Mecozzi, violinista, polistrumentista e compositore accompagnato da Massimo Marches (chitarra), Stefano Zambardino (tastiere), Anselmo Pelliccioni (violoncello). Il merito è stato della rassegna “La settima arte cinema e industria”, realizzata da Confindustria Romagna, Cinema Fulgor, Università di Bologna con la collaborazione del Comune di Rimini, che quest’anno è durata cinque giorni, con proiezioni, anteprime, incontri, momenti di formazione. Nella serata finale sono stati premiati: Carlo Cresto-Dina per Tempesta (Premio alla produzione), Massimiliano Orfei per Vision Distribution (Premio alla distribuzione), Lorenzo Baraldi e Gianna Gissi (Premio artistico), Carlotta Cristiani (Premio al montaggio), il regista Paolo Taviani (Premio Speciale per il contenuto artistico 2022 per il film Leonora addio).
Emozionante la consegna del premio ad honorem 2022 al premio Oscar Giuseppe Tornatore:

Guarda l’intervista a Giuseppe Tornatore:

La giuria del Premio è composta da Pupi Avati Presidente e da Nicola Bassano (storico del cinema e referente Cineteca di Rimini), Gian Luca Farinelli (Direttore Cineteca di Bologna), Veronica Innocenti (docente di Economia e Marketing degli Audiovisivi, Università di Bologna), Elisa Luchetta (Cinema Fulgor), Stefano Pucci (imprenditore).