Indietro
menu
pavimentazione in pietra

Antica via Flaminia. A Cattolica proseguono i lavori

In foto: vicolo dei Forni
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 15 mar 2022 11:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue a Cattolica la riqualificazione lungo l’asse dell’antica via Flaminia. Nella mattinata di giovedì 17 marzo sarà riasfaltato l’incrocio Pascoli/Libertà, che richiederà chiusura del tratto alle auto per il tempo necessario ai lavori, con percorsi alternativi che saranno indicati. La definitiva apertura del tratto da via Libertà e via Saffi è previsto per lunedì 28 marzo.

Il secondo stralcio dei lavori proseguirà con la cantierizzazione e chiusura della via Cattaneo, per completare l’intervento nel tratto fra la via Bastioni e l’innesto alla rotonda di Piazza Vincenzo Filippini. Anche qui è previsto il rifacimento in pietra arenaria dei marciapiedi e della stessa Piazza Filippini. Nella parte centrale della strada, invece, si realizzerà il corsello carrabile in calcestruzzo drenante color mattone. Il completamento del cantiere, che prevede all’incirca un mese di lavoro, darà uniformità all’intervento di restyling dell’intera antica via Flaminia, per un costo complessivo di circa 590mila euro.

Lavori in corso anche ai sottoservizi, da parte di Hera ed Adriagas (linea fognaria e rete del gas), nel Vicolo dei Forni che verrà anch’esso pavimentato in pietra arenaria, compresa la scalinata che sfocia in via Mazzini.

Nelle prossime settimane – dichiara l’Assessore ai lavori pubblici Enrico Ugolinisi consegnerà alla città il totale recupero di questa arteria che ha segnato la nascita e lo sviluppo della città, sito romano identificato come luogo di accoglienza e sosta per viaggiatori. Diamo così continuità al progetto ed andremo ad ultimare una riqualificazione che, per la nostra comunità, ha innanzitutto un importante valore culturale. Una operazione che per l’Amministrazione si inserisce in una più ampia visione di città all’interno della quale valorizzare al meglio il nucleo storico cittadino, le vie Cattaneo e Pascoli, e quindi i siti culturali del Museo della Regina e della Galleria Santa Croce che sorgono lungo quest’asse”.