Indietro
menu
in punti strategici

In arrivo 80 nuove telecamere, ma anche bodycam e lettura targhe

In foto: la stazione Fs di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 2 feb 2022 13:10 ~ ultimo agg. 16:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ottanta nuove telecamere in arrivo per presidiare il territorio comunale di Rimini. Si aggiungeranno alle 190 già presenti in città. Sarà potenziata la video sorveglianza  nella zona della stazione ferroviaria e del porto canale, nei sottopassi pedonali di via Oslo e di Viserba, al Parco del Mare. Ma a breve, con l’approvazione del nuovo regolamento sulla video sorveglianza che deve corrispondere alle nuove regole sulla privacyt, alle telecamere si affiancheranno altri dispositivi come bodycam e dashcam (per registrare immagini di alta qualità in movimento), dispositivi di riconoscimento ottico. A questo si aggiunge l’attivazione, prevista nei prossimi mesi del sistema con tecnologia ‘ocr’ per la lettura delle targhe, da installare nei sedici punti di accesso della città individuati dalla Polizia Locale.

Un’evoluzione tecnologica a cui corrisponde anche uno sviluppo del complesso di normative nazionali ed europee che disciplinano la tutela dei dati personali e che quindi rende necessario un aggiornamento ed un’integrazione del regolamento comunale che disciplina la videosorveglianza urbana. La Giunta, nell’ultima seduta, ha approvato un “progetto strategico di materia di videosorveglianza urbana integrata”, un’analisi dello stato di fatto del sistema attualmente operativo, le prospettive di sviluppo e gli impatti in termini di gestione della privacy. Un atto propedeutico al nuovo regolamento che sarà poi sottoposto al voto del Consiglio Comunale. La regolamentazione darà, così, l’opportunità di aggiungere alle telecamere di videosorveglianza anche nuove strumentazioni di ultima generazione, come le bodycam, i dispositivi indossabili a supporto delle attività del personale del Corpo della Polizia Locale e le dashcam, strumenti in grado di registrare immagini di alta qualità in movimento, anche ad alta velocità.