Indietro
domenica 29 maggio 2022
menu
Basket Serie B

LUISS Roma-RBR, la vigilia di coach Mattia Ferrari e di Andrea Tassinari

In foto: (Foto Nicola de Luigi)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 15 gen 2022 15:25 ~ ultimo agg. 16 gen 17:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Domenica alle ore 18:00 al PalaLuiss di Roma si giocherà LUISS Roma-RivieraBanca Basket Rimini. Il prepartita del coach di RBR, Mattia Ferrari, e del play-guardia biancorosso Andrea Tassinari.

Coach, dopo lo stop per Covid questa è stata la prima settimana completa di allenamenti. Come ha risposto la squadra e qual è la sua condizione fisica?
“Abbiamo lavorato, come mi aspettavo, con grande serietà – attacca Mattia Ferrari: siamo tornati a caricare dal punto di vista atletico, in accordo col preparatore atletico Marco Bernardi, perché dovevamo stimolare nuovamente alcuni processi che mancavano da quindici giorni in quanto i due allenamenti e mezzo della scorsa settimana erano stati pensati in funzione della partita contro Cesena. C’è stato un momento di crescita, siamo arrivati a giovedì stanchi, invece poi ieri sera siamo tornati a macinare bene dal punto di vista fisico; l’unico intoppo è stato lo stop di Saccaggi che si è fermato a metà dell’allenamento di martedì mattina ed ha ricominciato ad allenarsi con la squadra ieri sera. Ci tengo a ringraziare il lavoro di Diego Bartolini, Simone Salvatori e Filippo Saulle che sono sempre molto vicini ai giocatori ed hanno permesso a Saccaggi di tornare ad allenarsi il prima possibile in una buona condizione.”

Andrea Tassinari, domenica affrontate una squadra in fiducia, molto giovane e lunga. Che partita si aspetta?
“Loro hanno dieci effettivi che giocano tutti almeno 10′ quindi il nostro vantaggio della panchina lunga a Roma non ci sarà. La LUISS ha un vantaggio campo notevole e sicuramente daranno battaglia come con Roseto, Faenza e Rieti: tutte le squadre passate per il PalaLuiss hanno rischiato ed a volte, vedi Roseto, hanno perso.”

Coach Ferrari, al netto dei recuperi da disputare con questa gara si chiude il girone d’andata. È già tempo di fare qualche bilancio oppure la stagione è stata sin qui troppo condizionata da infortuni, Covid etc.?
“I bilanci si possono fare sempre, bisogna capire se sono centrati o meno. Abbiamo giocato per ora 12 partite, ne abbiamo vinte nove e perso tre scontri diretti, di cui i primi due senza Mladenov e Tassinari. Io sono soddisfatto di quello che vedo in palestra ogni giorno e di quello che mi prefiguro sarà la parte crescente e finale della nostra stagione. Ovviamente poi vanno giocate tutte le partite, a partire da questa trasferta molto complicata: è un campionato frastagliato per noi come per altri perché dovremmo essere alla quindicesima giornata invece siamo di fatto alla tredicesima. Avremo un febbraio molto carico considerando anche i recuperi, però per ora il mio bilancio è positivo: chiaramente avrei voluto vincere tutte le partite e penso sia normale. Le sconfitte hanno qualche motivazione e potremmo aver giocato meglio sia nelle sconfitte che nelle vittorie perché spesso non ammazziamo le partite, questo va anche bene da un certo punto di vista perché vuol dire che c’è ancora del lavoro da fare e noi siamo una squadra che ha iniziato tardi ad essere completa. Il Covid poi ci ha fermato quando sembrava avessimo un momento di crescita, abbiamo ricominciato con una vittoria casalinga ed adesso dobbiamo semplicemente preoccuparci di costruire il nostro futuro.”

Andrea, il PalaLuiss è un campo molto piccolo. Questo cambia qualche percezione per voi giocatori? Pensa che avere avuto tutte le trasferte più lontane tutte nel girone d’andata possa avvantaggiarvi per il girone di ritorno?
“Il PalaLuiss è un campo piccolo ed ostico soprattutto quando la squadra si carica, riescono a fare grandi cose in questo piccolo ambiente. Per quanto riguarda il calendario sinceramente non credo cambi molto, sicuramente in chiave Coppa Italia aver fatto le trasferte più lunghe e difficili nel girone d’andata può aver influito sulla classifica; noi tuttavia contiamo ad arrivare a giugno.”

Coach, domani ritroverà da avversario Buzzi dopo averlo allenato a Casale Monferrato.
“Francesco è un bravissimo ragazzo che ha fatto una scelta legata allo studio, è al terzo anno alla LUISS e piano piano si è guadagnato minuti fino a diventare titolare. È un lungo classico con buone mani, dal punto di vista morale dà sempre una mano alla squadra e da quando ha iniziato a giocare stabilmente la LUISS ha vinto quattro delle ultime cinque partite.”

Andrea, si prospetta un periodo molto intenso ma che dopo ricorsi, Covid e stop forzati farà parlare di più il campo.
“Ci piace di più giocare che stare in palestra ad allenarsi! Avremo molte partite a febbraio, ma siamo attrezzati per questo: sarà un po’ clima playoff giocando anche in mezzo alla settimana, sicuramente un periodo tosto ma probabilmente ci fa bene dopo lo stop per il Covid.”

Ufficio Stampa RivieraBanca Basket Rimini