Indietro
menu
inseguimento a rimini

Furgoncino tenta la fuga e sperona l'auto dei carabinieri. Quattro militari feriti

In foto: L'auto dei carabinieri speronata dal furgoncino (foto Migliorini)
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 15 gen 2022 08:00 ~ ultimo agg. 18:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un inseguimento da film, quello avvenuto ieri sera a Rimini poco prima delle 22.30, con tre gazzelle dei carabinieri a tallonare un furgoncino dell’acqua che non si è fermato all’alt della pattuglia. L’uomo alla guida, dopo aver ignorato l’ordine di accostare e fermare il veicolo, ha accelerato cercando di seminare l’auto dei carabinieri.

I militari del Radiomobile hanno chiesto rinforzi e sulle tracce del fuggitivo si sono portate altre due auto. Il furgoncino nel tentativo di far perdere le proprie tracce ha accelerato sempre più, compiendo anche alcune manovre spericolate. Durante la fuga a tutta velocità sono cadute anche alcune casse d’acqua ed un carrello che hanno colpito sul cofano due delle tre gazzelle.

A nulla sono valsi i ripetuti alt dei carabinieri, che a sirene spiegate hanno cercato di raggiungere il mezzo. Quando una pattuglia è riuscita ad affiancarlo in via Iolanda Cappelli (zona Celle) e a tagliargli la strada il conducente l’ha speronata col muso nella fiancata destra. L’impatto è stato così violento che i due militari all’interno sono rimasti storditi, soprattutto il capo pattuglia che sedeva lato passeggero, lì dove è avvenuto l’urto.

Il conducente del furgoncino, vistosi circondato, è schizzato fuori dal mezzo per continuare la fuga a piedi, ma in un amen è stato raggiunto dagli altri carabinieri che gli si sono buttati addosso riuscendo a immobilizzarlo a terra. Il fuggitivo, un uomo di nazionalità italiana, di cui non sono state fornite le generalità, era in evidente stato di alterazione. Dichiarato in arresto, è stato condotto in caserma. Sul posto sono intervenute due ambulanze, con i sanitari del 118 che hanno prestato le prime cure ai militari feriti. In tutto dovrebbero essere quattro quelli trasferiti in pronto soccorso per accertamenti.

I due all’interno della gazzella speronata hanno riportato vari traumi e contusioni, nessuno però è in pericolo di vita. In via Cappelli anche le pattuglie della Polstrada per i rilievi di rito. Ancora sconosciuti i motivi che hanno spinto il conducente del furgoncino dell’acqua a ignorare l’alt innescando il successivo inseguimento.

Notizie correlate
di Redazione