Indietro
giovedì 19 maggio 2022
menu
Campionato Sammarinese

Murata, Comuniello mette nel mirino il Faetano

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 17 dic 2021 11:17 ~ ultimo agg. 14:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

C’è rammarico in casa Murata per l’epilogo del match contro il San Giovanni (1-1). Pur in formazione fortemente rimaneggiata, la squadra di Achille Fabbri stava vincendo per 1-0 con rete di Andrea Comuniello quando a sei minuti dalla fine si è vista raggiungere da un rigore provocato ingenuamente dopo aver sprecato almeno due occasioni d’oro per raddoppiare e chiudere il conto.

Andrea Comuniello, lei ha segnato il gol dell’ex, il primo della stagione, ma non è bastato…
“È stata una bella soddisfazione, è la prima volta che mi trovavo nei panni di ex e dunque il gol ha avuto un sapore particolare soprattutto perché è stata la mia prima rete in stagione, tra l’altro confezionata con una azione corale efficace ben rifinita da Babboni e che io ho concluso di sinistro con un preciso tiro sul secondo palo. In passato al Gatteo, dove ho militato per otto stagioni, ho realizzato anche 12 e 13 reti, spero quindi di ripetermi nel girone di ritorno. Qualche rete voglio segnarla”.

Anche perché bomber Indelicato è out fino a fine stagione e c’è bisogno dei gol di tutti.
“È una assenza importante perché Alessio è il nostro terminale offensivo principe. Ora siamo passati al 3-4-3 e io gioco nei tre davanti invece che da mezzala nel 3-5-2, un ruolo che non ho mai ricoperto, ma che sto cercando di interpretare al meglio mentre nel 3-5-2 sono uno dei due attaccanti”.

Avrebbe potuto anche raddoppiare.
“La seconda volta ho tirato sul primo palo per sorprendere il portiere che ha chiuso bene lo specchio. Nella terza circostanza avrei potuto concludere in porta, ho preferito l’ assist per Babboni che era libero a centro area, ma il mio compagno forse non si aspettava il passaggio e si è accentrato rispetto alla linea della palla e così l’azione è sfumata. C’è amaro in bocca per l’epilogo, resta la prestazione che è stata buona considerato il gran numero di assenze che da qualche tempo è purtroppo per noi una costante. Avremmo meritato i tre punti con i quali avremmo agganciato il Pennarossa al sesto posto della classifica. Peccato”.

Ora vi aspetta il Faetano, che è distante quattro lunghezze…
“Dobbiamo recuperare il due punti lasciati per strada per migliorare da un lato la classifica e dall’altro trascorrere delle buone feste natalizie per riprendere poi a metà gennaio visto che l’8 daremo fermi per il turno di riposo. Speriamo che la rosa allora possa ritornare al completo. Purtroppo domenica (si gioca a Fiorentino) siamo ancora in emergenza visto che ci mancheranno almeno sette pedine tra infortuni e squalifiche, ma la voglia di fare bene è tanta. Sarà dura battere il Faetano, una avversario che vale più della sua classifica, una squadra dinamica, aggressiva, che esprime un buon calcio. Dobbiamo stringere i denti e farci un bel regalo”.

Soddisfatto della stagione sua e del rendimento della squadra?
“La classifica è in linea con le aspettative pur mancandoci qualche punto che abbiamo lasciato per strada. Penso che con la rosa al completo avremmo potuto fare meglio, magari anche giocarci con maggiori possibilità il passaggio del secondo turno di Coppa Titano al cospetto della Folgore, ma purtroppo bisogna fare i conti con la realtà. Mi trovo bene in questa società, con i compagni e lo staff. C’è un buon gruppo e in campo si vede nelle difficoltà. La società allo stesso modo è contenta del nostro rendimento. La mia, la nostra ambizione, è di arrivare più in alto possibile per giocarci al meglio le nostre carte ai playoff”.