Indietro
mercoledì 18 maggio 2022
menu
Calcio Femminile

Coppa Italia: avanti l'Inter, ma l'Academy chiude l'anno con una grande prova

In foto: Alborghetti (©SMAcademy)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
dom 19 dic 2021 18:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Coppa Italia Femminile, Girone D – 3a giornata | San Marino Academy-Inter 0-3

IL TABELLINO
SAN MARINO ACADEMY [4-2-3-1]: A. Piazza; Montalti, Groff, Kiamou, M. Piazza (dal 64’ Marrone); Fusar Poli, Brambilla; Alborghetti, Bertolotti (dal 64’ Venturini), Baldini (dal 79’ Micciarelli); Massa (dal 56’ Barbieri). A disposizione: Montanari, Jansen. Allenatore: Alain Conte.

INTER [4-3-3]: Gilardi; Brustia, Sonstevold, Kathellen, Landstrom; Regazzoli (dall’88’ Merlo), Csiszar (dal 66’ Santi), Simonetti; Bonetti (dal 73’ Pavan), Polli, Portales. A disposizione: Cartelli, Durante, Karchouni, Njoya. Allenatore: Rita Guarino.

Arbitro: Paolo Grieco di Ascoli Piceno.
Assistenti: Justin Dervishi di San Benedetto del Tronto e Mattia Piccinini di Ancona.

Reti: 31’, 58’ Bonetti, 90’+3’ Polli.

Ammonita: Csiszar.

Note: al 22’ Baldini ha calciato alto un rigore.

CRONACA E COMMENTO
Ultima sfida dell’anno per la San Marino Academy, che ospita l’Inter nella terza giornata del Girone D del turno preliminare di Coppa Italia Femminile 2021-22. Uno spareggio a tutti gli effetti, con Titane e meneghine appaiate a quota tre punti dopo i successi sulla Pro Sesto. Fronte sammarinese, debutto stagionale per Martina Piazza – rientrata da un grave infortunio e reduce da un paio di partite con la Primavera. Anche l’omonima Alessia ritrova la titolarità tra i pali, dopo un problema alla caviglia che l’ha tenuta fuori un mese.

Il piano gara dell’Academy prevede un’attenta fase difensiva per buttarsi negli spazi in ripartenza. Il tridente di grande dinamismo battezzato da Conte si fa vedere in due occasioni consecutive a cavallo dell’11’. Prima Massa sfrutta un’incertezza di Kathellen per lanciarsi in uno-contro-uno con Sonstevold, brava a suturare l’emorragia. Ci vuole invece un intervento risolutivo di Gilardi per negare il vantaggio biancoazzurro un minuto più tardi, quando Alborghetti è irresistibile sulla destra e dopo aver seminato Landstrom chiama in causa l’estremo ospite con un diagonale violento. In precedenza, ci aveva provato anche Fusar Poli, con un destro al volo dal limite terminato a lato. Il primo quarto d’ora dell’Inter è tutto in un paio di discese in corsia, con palloni crossati al centro per sfruttare la fisicità di Polli, senza esito. L’ex attaccante dell’Empoli dà prova delle proprie qualità al 16’, quando si impone nelle sportellate a centro area per girare verso la porta un traversone di Landstrom, liberata da un bel cambio di gioco. Puntuale benché pleonastico il salvataggio sulla linea dell’Academy, vista la posizione irregolare di Polli rilevata da Piccinini. Il primo tiro in porta dell’Inter si registra al 20’, con un calcio di punizione affidato a Regazzoli. Piazza si oppone e sulla mischia generata la terza linea sammarinese fa schermo sulle conclusioni avversarie: l’ultima di Polli, che di testa spedisce a lato. Nell’altra metà campo, grandissima occasione per l’Academy: Alborghetti sfonda in area e viene toccata da Simonetti, in maniera fallosa secondo Grieco che comanda il calcio di rigore. Dal dischetto Baldini, che apre il piattone e spedisce alto sulla traversa. Si resta sullo 0-0, con l’Inter che prova a far pagare dazio immediatamente con Portales  – brava a girarsi in un fazzoletto e sollecitare Piazza da posizione defilata. Risposta efficace dell’estremo di casa, che chiude in angolo.
Le ospiti tornano a provarci su piazzato alla mezz’ora, quando la specialista Bonetti cerca il palo del portiere: Piazza si oppone alla traiettoria rimbalzante, poi un rimpallo le riporta la sfera tra i guantoni. Preludio della rete che arriva al 31’: incontenibile percussione di Portales, che propone un cross radente sul palo più lontano dove Bonetti può controllare e gonfiare il sacco da breve distanza. Immediata la replica sammarinese, affidata alle iniziative di Alborghetti che semina un paio di avversarie prima di armare il mancino dalla media distanza di Bertolotti, alzato in corner con non poca difficoltà da Gilardi. Si conferma vivace anche nel finale l’Academy, che torna a provarci dalla distanza con Baldini – attenta Gilardi. L’Inter si fa invece pericolosa su palla inattiva sull’asse Bonetti-Sonstevold, con quest’ultima a sparare alto in acrobazia col destro. Ben più seria l’opportunità scaturita da un successivo calcio di punizione recapitato sul secondo palo e che trova il perfetto smarcamento di Kathellen: strepitoso intervento di Piazza sul piattone a botta sicura della centrale brasiliana. È l’ultima emozione di un primo tempo che registra anche l’ammonizione di Csiszar per un intervento in ritardo su Brambilla.

Conte e Guarino confermano le ventidue titolari anche per l’inizio della ripresa, quando è l’Inter a farsi notare per prima. Bella giocata sul vertice di Simonetti, che libera un mancino a giro terminato poco distante dall’incrocio. Le Titane si affidano alla rapidità del tridente per pungere le meneghine, che se la cavano sull’affondo di Massa al 49’: attenta Gilardi nell’anticipare Alborghetti sul cross basso. Azione proseguita nella metà campo opposta con la profondità per Polli, brava a giocare di sponda per Bonetti che libera un sinistro potente, ma impreciso. Nerazzurre più intraprendenti nella ripresa e pericolose anche con Landstrom che alza la mira da buona posizione. Le ragazze di Conte non stanno a guardare e tornano ad impensierire le avversarie con la combinazione tra Massa ed Alborghetti: la bergamasca è bravissima ad anticipare la diretta marcatrice, ma non riesce a direzionare verso lo specchio. Tremendamente precisa, invece, l’Inter al 58’: Simonetti gioca in verticale per Portales, abile nel controllare e difendere la sfera, prima di cederla coi tempi giusti a Bonetti. Inserimento perfetto che permette all’ex Fiorentina di presentarsi davanti a Piazza e fare doppietta con diagonale dal cuore dell’area. Ne consegue un notevole calo di ritmo su ambo i fronti e nemmeno la girandola di sostituzioni operata da Conte e Guarino sembra poter riaccendere la partita, che vive di un sussulto al 75’ quando la neoentrata Santi si fa trovare pronta sul primo palo, per girare col destro il corner di Regazzoli. Soluzione imprecisa. Nuova occasione all’81’ con Simonetti, che calcia al volo lo spiovente di Brustia per spedire di poco a lato.
La partita scivola via fino al termine dei tre minuti di recupero, quando l’Inter trova anche la terza marcatura – la più bella del pomeriggio. La ripartenza fulminea di Portales schiude al terzo assist di giornata, questa volta a beneficio di Elisa Polli che spolvera l’incrocio dei pali con un mancino di rara potenza e precisione. Termina dunque con vittoria e qualificazione per l’Inter, ma a margine di una bella prestazione della San Marino Academy che – pur con qualche piccolo rimpianto – ha certamente dimostrato di poter tenere testa anche ad una formazione blasonata e qualitativamente importante come quella allenata da Rita Guarino.

Ufficio Stampa San Marino Academy