Indietro
menu
La solidarietà ai tempi della pandemia

Apre a Rimini la “Casa di Natale” del Campo Lavoro missionario da domani al 6 Gennaio

In foto: attività del campo lavoro missionario
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
ven 3 dic 2021 16:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dal 4 Dicembre al 6 Gennaio apre a Rimini la “Casa di Natale” del Campo Lavoro missionario. Spazio informativo ma anche iniziativa di autofinanziamento per sostenere i progetti missionari della nostra Diocesi. Inaugurazione domenica 5 Dicembre alla presenza del vescovo monsignor Francesco Lambiasi. Già distribuiti intanto, nei mesi scorsi, oltre 75 mila euro a 13 progetti di aiuto umanitario.

La solidarietà ai tempi della pandemia. Domani, sabato 4 Dicembre, apre i battenti a Rimini, la “Casa di Natale” del Campo di Lavoro missionario, con l’inaugurazione ufficiale prevista per il giorno successivo, domenica 5 dicembre, alle ore 10, alla presenza del vescovo Francesco Lambiasi.
La “Casa di Natale” del Campo Lavoro si trova al n. 11 di Via Giovanni XXIII (ex negozio Vulpitta) e resterà aperta tutti i giorni, festivi compresi, fino al 6 Gennaio, proponendosi come luogo di incontro, spazio informativo ma anche come ghiotta occasione per acquisti solidali a buon mercato. Libri, quadri, giocattoli, bigiotteria, oggettistica, abbigliamento vintage: una marea di materiali raccolti negli ultimi mesi e che si potranno portare a casa con una ”offerta minima consigliata”.

Negli ultimi due anni, a causa dell’emergenza Covid e delle conseguenti limitazioni alla circolazione delle persone, non è stato possibile svolgere la tradizionale raccolta porta a porta che coinvolgeva l’intera Diocesi ma l’attività del Campo Lavoro non si è comunque fermata, riconvertendosi in una pluralità di iniziative più piccole e controllate.
Ricordiamo la partecipazione del Campo alla manifestazione “Rimini Antiqua” l’ultima domenica di ogni mese, il mercatino estivo dei bambini in Piazza Tre Martiri, l’avvio del “Magazzino del Rustico” a Santarcangelo e di “Magazzino 13” nell’ex sede Acli di Lagomaggio, i mercatini vintage organizzati a Riccione, Verucchio e presso la sede dell’associazione in Via Zavagli a Rimini, la collaborazione con Ciclofficina, le iniziative in rete con altre associazioni come il progetto “Armisclè (mercatino del riuso e della moda sostenibile) insieme con Mani Tese e Casa Madiba.

Tante iniziative che hanno consentito di promuovere quelli che sono da sempre i valori del Campo Lavoro: economia solidale, riutilizzo delle risorse, nuovi stili di vita. Ma che sono anche servite per raccogliere una somma di oltre 75 mila euro destinati a 13 progetti missionari in Africa, Albania, America Latina e all’attività della Caritas diocesana per far fronte alle crescenti situazioni di povertà presenti anche sul territorio riminese.

Ricordiamo che La Casa di Natale del Campo Lavoro missionario rientra nel progetto del Comune di Rimini “No Tax Area – Negozi aperti, Vetrine illuminate”. L’organizzazione ringrazia la famiglia Venturi, proprietaria dei locali.

Il riepilogo degli aiuti assegnati nel periodo 2020-2021.

Progetti finanziati periodo 2020-2021

I mercatini, le raccolte e le varie iniziative svoltesi negli ultimi due anni hanno permesso di distribuire nei mesi scorsi contributi per complessivi 75.283 euro a 13 progetti missionari. Questo l’elenco:

Amici per la Tanzania. Località Lekirummi. Costruzione di una mensa per asilo e scuola primaria (contributo assegnato 8.000 euro)
Suore Francescane di Sant’Onofrio. Wasserà (Etiopia).Sostegno per assistenza sanitaria alle donne nel periodo dalla gravidanza al parto. Contributo 6 mila euro.
Cittadinanza Onlus. Kenya, baraccopoli di Nairobi. Contributo al Progetto Paolo’s Home, Centro per bambini con disabilità. Contributo 3.283 euro.
Casa San Giuseppe Cottolengo.Pariamarca (Perù). Sostegno alle attività di accoglienza di bambini e ragazzi disabili. Contributo 5.000 euro.
FundaciònVirgen de Las Nieves. Escoma (Bolivia). Sostegno al progetto “Un tetto… sul tetto del mondo” (rifacimento tetti della missione). Contributo assegnato 6.000 euro
Associazione APG23 Condivisione tra i popoli. Chalna (Bangladesh). Acquisto materiale didattico per l’asilo della missione. Contributo assegnato 3.000 euro
Associazione Maria Negretto. Camerun. Spese per l’acquisto e spedizione di materiale tecnico-radiologico per il centro sanitario della missione. Contributo assegnato 10.000 euro.
Fondazione Marilena Pesaresi. Zimbabwe. Sostegno un anno di esperienza di due giovani volontari presso l’ospedale di Mutoko. Contributo 5.000 euro
Fondazione Marilena Pesaresi. Zimbabwe. Sostegno alle attività della missione. Contributo 5.000 euro
Frati Cappuccini. Tarcha (Etiopia). Copertura della nuova chiesa dedicata a San Giuseppe. Contributo 5.000 euro.
Istituto Maestre Pie dell’Addolorata. Rajshahi (Bangladesh). Progetto di ampliamento e riqualificazione della St. Louis School. Contributo 5.000 euro
Diocesi di Rimini. Sostegno alla missione diocesana in Albania. Contributo 8.000 euro
Caritas diocesana Rimini. Contributoper acquisto termosigillatrice per la confezione e distribuzione dei pasti a persone e famiglie in crescente difficoltà. 6.000 euro

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Maurizio Ceccarini