Indietro
menu
Novità

Vaccini. Terza dose ma non per tutti; Sputnik, due ipotesi

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 8 ott 2021 19:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nella consueta conferenza stampa del venerdì dell’Istituto Superiore di Sanità arrivano novità sul tema delle vaccinazioni covid. In primis riguardo la terza dose. Il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza ha sottolineato che “l’orientamento in Italia è quello di offrire il richiamo con la terza dose agli over-80 e alle persone nelle Rsa e agli operatori sanitari a partire da quelli over-60. Naturalmente è importante assicurare comunque questa possibilità a tutti i sanitari. E’ possibile che a breve venga emanata una nuova circolare che dia indicazioni più precise riguardo i pazienti iper-fragili ma non si pensa per il momento a un richiamo universale su tutta la popolazione“. Altro tema quello del vaccino Sputnik utilizzato, tra gli altri, nella Repubblica di San Marino. L’obiettivo, ha spiegato Rezza, è garantire alle persone vaccinate con lo Sputnik il diritto a poter avere il green pass ma anche garantire la comunità che ospita circa la sicurezza. Sarebbero quindi due le ipotesi al vaglio: “effettuare una ulteriore dose addizionale con un vaccino a mRna in chi è vaccinato con vaccini non riconosciuti dall’Ema – ha spiegato Rezza – o riconoscere tout court i cicli vaccinali fatti all’estero con questi vaccini. Nei prossimi giorni verrà presa una decisione in merito“.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi