Indietro
menu
nelle notti di luglio e agosto

Tuffi furtivi nella piscina di Riccione postati sui social. Denunciati in sei

In foto: la piscina esterna di Riccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 5 ott 2021 12:19 ~ ultimo agg. 17:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Riccione hanno denunciato sei persone, di cui due sedicenni, un diciassettenne e tre trentenni, per il reato di invasione di terreni.

La curiosa vicenda ha come scenario la piscina olimpionica della polisportiva di Riccione che nel corso dell’estate è stata più volte presa d’assalto nelle ore notturne da giovani “aspiranti tuffatori”. Per quanto ricostruito dai carabinieri della Perla, infatti, tra i mesi di luglio e agosto, scavalcate le recinzioni, i sei si sono introdotti in più occasioni in piscina, approfittando dei trampolini deserti per tuffarsi e fare il bagno, qualche volta anche filmando le proprie “imprese”, così da postarle sui propri profili social. La denuncia è stata fatta del responsabile dell’impianto. Ma questa volta insieme ai “like” sono arrivati i militari dell’arma, che attraverso l’analisi dei video raccolti sul web, hanno identificato i responsabili, di cui cinque residenti a Rimini e uno a Roma. Non sono stati riscontrati danni, ma solo una gesto goliardico pericoloso. La posizione dei trentenni sarà valutata dall’autorità giudiziaria di Rimini e da quella per i minorenni di Bologna per i tre adolescenti.