Indietro
menu
Timore per lavoratori

Geat, i dubbi della Cgil. Chiesto incontro per chiarire la situazione

In foto: il nuovo logo di Geat
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 22 ott 2021 11:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Filctem Cgil e FP Cgil hanno chiesto un incontro al presidente di Geat per fare chiarezza su una serie di operazioni “delle quali abbiamo avuto conoscenza solo attraverso i media, e sulle eventuali conseguenze che potrebbero subire i lavoratori“. I Comuni soci proprietari di GEAT sono Riccione (socio di maggioranza con il 99,395%), Cattolica, Misano e Morciano. Il sindacato avanza perplessità e dubbi sul “costante disinvestimento rispetto alla Multiutility” e fa alcuni esempi: “nell’estate appena trascorsa – si legge in una nota –, per la realizzazione di interventi manutentivi, di riqualificazione e messa in sicurezza di strade e spazi pubblici, per un valore di €5 milioni, il Comune di Riccione, invece di affidarsi direttamente alla propria società GEAT, ha emesso un incomprensibile Bando di gara pubblico concluso con l’assegnazione dei lavori ad una ditta esterna“. La Cgil mette in evidenza anche un’altra anomalia “nella documentazione pubblica relativa all’acquisto di azioni della società ANTHEA (Multiutility del Comune di Rimini) da parte del Comune di Morciano, che ad ANTHEA ha affidato i suoi servizi, nonostante sia socio proprietario di GEAT“. E infine la questione più recente, vale a dire la “volontà dell’Amministrazione Comunale di Riccione di conferire le quote che detiene di Romagna Acque a GEAT. Un’ennesima operazione che insinua molti dubbi e perplessità“. Da qui, la richiesta da parte della Cgil di un incontro che si auspica chiarificatore.